Il Pd visto da Trieste

dicembre 11, 2016

livio-rosignano-trieste-interno-caffe-san-marco

Mentre Matteo Renzi, convinto che il 40% di Sì al Referendum sia consenso personale, si prepara a ri-scalare il partito di cui è segretario, vale la pena tentare di leggere il futuro del Pd dall’osservatorio di Trieste e del Friuli Venezia Giulia.

Trieste è capoluogo della Regione governata dalla vicesegretaria Pd Serracchiani (già europarlamentare e segretaria regionale), è la città del capogruppo alla Camera Ettore Rosato (già candidato alla provincia nel 2001, al Comune nel 2006, e due volte sconfitto dai candidati di centrodestra) ed è la città di Gianni Cuperlo, esponente della sinistra dem talmente considerato che per poter comparire in tv ha dovuto farsi un selfie con il ministro Boschi e dichiararsi favorevole al Sì.

Verrebbe da chiedersi perché mai un partito che prende i voti in Emilia Romagna va a scegliersi i dirigenti a Trieste, ma è più interessante rileggere alcuni risultati elettorali del 2016.

In primavera il Pd ha perso Trieste e Pordenone, completando l’opera, in autunno, con la sconfitta di Monfalcone ad opera della candidata leghista. Oltre a questi centri maggiori, ha perso comuni minori come Codroipo, Cordenons, Ronchi dei Legionari, Grado ed altri ancora.

I candidati del Pd hanno perso praticamente ovunque, sia che fossero renziani o (ex) bersaniani, giovani o anziani, uomini o donne. Ma non hanno perso contro i candidati del Movimento cinque stelle, come accaduto a Roma ed a Torino, evento che avrebbe potuto essere letto come voglia di cambiamento dell’elettorato: hanno perso contro i candidati di un centrodestra che, in questa regione, è malandato quanto (se non di più di) quello nazionale.

Per finire, nella Trieste di Rosato e di Cuperlo, ma anche del presidente di Ixé Roberto Weber, che il 26 novembre annunciava su Facebook la grande rimonta del Sì, la bocciatura della riforma Renzi-Boschi ha totalizzato il 63,5%.

Tutto ciò nella regione governata da tre anni dalla vicesegretaria del Pd, Serracchiani, che ha voluto essere più renziana di Renzi, forzando l’abolizione delle province, con legge regionale, prima ancora dell’entrata in vigore della riforma Boschi. Ha miscelato le apparizioni televisive con un’attività amministrativa che ha scontentato tutti, provocando la crisi di rigetto manifestatasi nelle elezioni comunali.

Nonostante i rovesci elettorali, nonostante le molteplici richieste di cambiamenti di linea, i vertici locali del Pd restano inchiodati al loro posto, a partire dalla segretaria regionale Antonella Grim, che Serracchiani impose per la sua successione.

Senza voler in alcun modo riabilitare le vecchie gerarchie, emerge di che pasta sia fatta la nuova classe dirigente del partito democratico, composta da soggetti che, molto più dei predecessori, paiono “imbullonati alle poltrone”, sordi alle critiche, incapaci di analisi e di sguardo verso il futuro.

Fatti che dovrebbero essere tenuti in considerazione dalle teste d’uovo del Pd e da chi con esso medita di ricostruire un centrosinistra ulivista e vincente. Perché, se i risultati elettorali di questa regione vengono letti come anticipazioni di quel che sarà a livello nazionale, il voto del 4 dicembre, al confronto, sembrerà un successo.


Perché No

novembre 25, 2016

no

Della riforma costituzionale abbiamo letto a sufficienza, e le ragioni del No, espresse per esempio da Zagrebelsky, da Onida e da Carlassare, sono molto più convincenti di quelle a favore del Sì, formulate, ad esempio, da Cacciari (è una “puttanata”, “fa schifo”, ma la voterò), da Ceccanti e da Fusaro, le quali sono riassumibili in due soli argomenti:

  • attualmente le cose non vanno, quindi bisogna cambiare la Costituzione;
  • dimostrino i contrari alla riforma che essa è peggiorativa.

Affermazioni del tutto inidonee a convincermi a votare Sì. Innanzitutto i difetti e le degenerazioni della vita politica nazionale non dipendono affatto dal testo costituzionale; in secondo luogo, dovrebbero essere i suoi sostenitori a dimostrare che la riforma è migliorativa. Impresa ardua se non impossibile, poiché nessuno è in grado di prevedere come evolverà la vita politica nazionale nell’eventualità che la modifica vada in porto.

Ciò premesso, il quattro dicembre voterò No per i seguenti motivi, i quali racchiudono implicitamente le ragioni del No già lucidamente ed autorevolmente enunciate da altri, meglio di come potrei fare io.

Le Costituzioni e le loro modifiche hanno e devono avere contenuti e motivazioni di carattere politico, storico e giuridico.

Sul piano politico le norme costituzionali devono essere dettate da alte ispirazione ideali. Ogni Carta fondamentale è nata su tali basi, e non certo al fine di velocizzare il processo legislativo o di risparmiare sui conti dello Stato. La Costituzione americana, nata dalla guerra di indipendenza, o quella francese, ispirata dalla Rivoluzione e dalla Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo, ne sono esempi preclari. Ma anche in tempi attuali, una modifica della Legge fondamentale dello Stato, la quale ha supremazia su tutte le altre leggi, deve conformarsi a principi ideali superiori che nel caso presente neppure intravedo.

Sul piano storico, la nascita e le modifiche della Costituzioni sono sempre state dettate dalla necessità: le Costituzioni vennero scritte perché bisognava scriverle. Esempio è la nostra Carta del 1948, che fu pensata e promulgata perché era necessario farlo, dal momento che lo Statuto albertino era stato ridotto a vuoto scheletro dal fascismo e dalle occupazioni militari. Non a caso esistono paesi evoluti che una Carta costituzionale non ce l’hanno: il Regno Unito non ha una Costituzione, semplicemente perché quel popolo non ne ha mai sentita la necessità. Oggi, in Italia, una tale necessità non la percepisco.

Sul piano giuridico una Costituzione, come ogni corpo normativo, deve soddisfare requisiti di logicità e di chiarezza. Ed il testo che uscirebbe dalla riforma che ci sottopongono tutto è tranne che logico e chiaro. Mi limito ad osservare che nessuno è in grado di prevedere o di spiegare quali saranno gli effettivi poteri del nuovo Senato. Se essi saranno reali, con facoltà di intervento sulle leggi di bilancio, ci troveremo in un pantano peggiore dell’attuale. Se saranno virtuali o fittizi, ci verrà consegnata una istituzione inutile e dannosa. Quanto alla manifesta illogicità, è sufficiente rilevare che la riforma pretende di rafforzare le istituzioni territoriali con la creazione del Senato a designazione regionale, ed al contempo ridimensiona grandemente le competenze amministrative decentrate, riportando allo Stato una vasta area di prerogative. E si potrebbe continuare con l’inspiegabile mantenimento delle regioni a statuto speciale e con l’incomprensibile istituzione dei senatori di nomina presidenziale settennale.

In sintesi, trovo questa riforma politicamente ingiustificata ed inconsistente, storicamente immotivata, giuridicamente illogica e confusa. Direi che basta per dire No.