Il Pd visto da Trieste

dicembre 11, 2016

livio-rosignano-trieste-interno-caffe-san-marco

Mentre Matteo Renzi, convinto che il 40% di Sì al Referendum sia consenso personale, si prepara a ri-scalare il partito di cui è segretario, vale la pena tentare di leggere il futuro del Pd dall’osservatorio di Trieste e del Friuli Venezia Giulia.

Trieste è capoluogo della Regione governata dalla vicesegretaria Pd Serracchiani (già europarlamentare e segretaria regionale), è la città del capogruppo alla Camera Ettore Rosato (già candidato alla provincia nel 2001, al Comune nel 2006, e due volte sconfitto dai candidati di centrodestra) ed è la città di Gianni Cuperlo, esponente della sinistra dem talmente considerato che per poter comparire in tv ha dovuto farsi un selfie con il ministro Boschi e dichiararsi favorevole al Sì.

Verrebbe da chiedersi perché mai un partito che prende i voti in Emilia Romagna va a scegliersi i dirigenti a Trieste, ma è più interessante rileggere alcuni risultati elettorali del 2016.

In primavera il Pd ha perso Trieste e Pordenone, completando l’opera, in autunno, con la sconfitta di Monfalcone ad opera della candidata leghista. Oltre a questi centri maggiori, ha perso comuni minori come Codroipo, Cordenons, Ronchi dei Legionari, Grado ed altri ancora.

I candidati del Pd hanno perso praticamente ovunque, sia che fossero renziani o (ex) bersaniani, giovani o anziani, uomini o donne. Ma non hanno perso contro i candidati del Movimento cinque stelle, come accaduto a Roma ed a Torino, evento che avrebbe potuto essere letto come voglia di cambiamento dell’elettorato: hanno perso contro i candidati di un centrodestra che, in questa regione, è malandato quanto (se non di più di) quello nazionale.

Per finire, nella Trieste di Rosato e di Cuperlo, ma anche del presidente di Ixé Roberto Weber, che il 26 novembre annunciava su Facebook la grande rimonta del Sì, la bocciatura della riforma Renzi-Boschi ha totalizzato il 63,5%.

Tutto ciò nella regione governata da tre anni dalla vicesegretaria del Pd, Serracchiani, che ha voluto essere più renziana di Renzi, forzando l’abolizione delle province, con legge regionale, prima ancora dell’entrata in vigore della riforma Boschi. Ha miscelato le apparizioni televisive con un’attività amministrativa che ha scontentato tutti, provocando la crisi di rigetto manifestatasi nelle elezioni comunali.

Nonostante i rovesci elettorali, nonostante le molteplici richieste di cambiamenti di linea, i vertici locali del Pd restano inchiodati al loro posto, a partire dalla segretaria regionale Antonella Grim, che Serracchiani impose per la sua successione.

Senza voler in alcun modo riabilitare le vecchie gerarchie, emerge di che pasta sia fatta la nuova classe dirigente del partito democratico, composta da soggetti che, molto più dei predecessori, paiono “imbullonati alle poltrone”, sordi alle critiche, incapaci di analisi e di sguardo verso il futuro.

Fatti che dovrebbero essere tenuti in considerazione dalle teste d’uovo del Pd e da chi con esso medita di ricostruire un centrosinistra ulivista e vincente. Perché, se i risultati elettorali di questa regione vengono letti come anticipazioni di quel che sarà a livello nazionale, il voto del 4 dicembre, al confronto, sembrerà un successo.


Elezioni e memoria

giugno 22, 2016

 

memoria

Nel lessico corrente la parola Memoria viene utilizzata in riferimento ai fatti del secolo scorso. Ma, leggendo le analisi sulle elezioni amministrative del giugno 2016, viene spontaneo invocarla per gli eventi di questo secolo, che pesano sulle nostre vite e che politica e giornalismo paiono aver rimosso.

Politicamente parlando, il ventunesimo secolo italiano si è aperto con le elezioni del 2001, che videro il centrodestra al completo (Forza Italia, lega Nord ed Alleanza nazionale) sbaragliare un centrosinistra indebolito dalle liti interne e dalla rottura con Rifondazione comunista. Nella legislatura che seguì il centrodestra, forte di una maggioranza parlamentare amplissima, produsse importanti interventi legislativi, fra i quali voglio ricordare:
– la legislazione sulla precarizzazione del lavoro;
– l’impostazione aziendalista della della Scuola voluta da Letizia Moratti;
– gli innumerevoli interventi in materia di giustizia penale, passati alla storia come “leggi vergogna”;
– la legge Gasparri sul riordino pro-Mediaset del sistema televisivo;
– la riforma costituzionale imposta dalla Lega nord e definita “devolution”.

Furono altresì gli anni dello spoil system, del dilagare dei talk show televisivi e dell’affermarsi della politica come propaganda permanente, con il ricorso al metodo degli annunci, alla denigrazione degli avversari, alla sistematica mistificazione della realtà.

Gli elettori di centrosinistra vissero quel lustro come un lungo incubo dal quale desideravano risvegliarsi al più presto. Non vedevano l’ora di ribaltare il risultato elettorale per invertire la tendenza: recuperare la dignità del lavoro con la difesa del tempo indeterminato, salvaguardare il tanto di buono che vi era nella scuola pubblica, restituire serenità al dibattito politico, liberare la TV di Stato dal controllo del monopolista privato, scongiurare la deformazione della costituzione e – soprattutto – cancellare le leggi criminogene volute (apparentemente) per salvaguardare il capo del Governo ma in realtà foriere del dilagare dell’illegalità in ampi territori della vita collettiva.

Le elezioni del 2006 dovevano essere il punto di svolta in tale direzione, ma le cose, come sappiamo, andarono diversamente. La debole maggioranza che ne uscì e l’ancor più debole governo Prodi nulla fecero nelle direzioni auspicate e, anzi, si produssero nella più invisa delle leggi vergogna (l’indulto).

Seguirono la nascita del Partito democratico e la politica suicida di Veltroni, che puntò tutto su nuove elezioni nella speranza che ne uscisse un governo di larghe intese. L’incubo dell’elettore di centrosinistra, quindi, continuò, e con esso, sempre più tenue, perdurò la speranza della sua fine.

Il nuovo esecutivo Berlusconi (2008-2011) riprese e consolidò la politica impostata nella legislatura 2001-2006, affidando a Gelmini il compito di aggravare i danni di Moratti (che già aveva trovato il terreno devastato da Luigi Berlinguer) e si produsse un ulteriore imbarbarimento della vita pubblica, sulla quale si abbatté la crisi economica tutt’ora in corso.

Crisi che ci ha imposto il governo Monti e, dopo le elezioni del 2013, il governo Letta e quindi il governo Renzi.

L’elettore di centrosinistra – o quel che ne resta – è ancora lì, nel tunnel imboccato nel 2001, e si ritrova un governo guidato da quel Partito democratico da cui si aspettava la fine dell’incubo. Tuttavia scopre che:
– la precarizzazione del lavoro si accentua sempre più, e l’indebolimento dello statuto del lavoratori, tanto caro alle destre, è divenuto realtà;
– il ministro Giannini si muove in assoluta continuità con il predecessore Gelmini;
– la TV di Stato è sempre più serva del potere;
– la Costituzione è soggetta ad una modifica molto peggiore di quella voluta dal centrodestra e bocciata dal referendum del 2006;
– le leggi vergogna sono ancora tutte in vigore, e continuano a devastare la vita pubblica;
– la politica è sempre più autoreferenziale e sorda ai bisogni delle persone; la menzogna è assurta a categoria obbligatoria della comunicazione politica.

Dopo le amministrative di giugno, leggo esponenti del Partito democratico dire di pagare il prezzo del populismo e dell’invidia sociale, o di non aver rottamato abbastanza; di aver perso le periferie ed il contatto con “la gente”.

Secondo me, invece, il centrosinistra, o quel che ne resta, ha smarrito la memoria della sua ragione di essere, che sta scritta nelle righe che precedono.

Certo, il 5-19 giugno non si votava per gli assetti politici nazionali ma per i sindaci, per i governi delle città e dei paesi, per la vita quotidiana di milioni di cittadini. Ma la vita quotidiana dei cittadini è regolata prima di tutto dalla legislazione nazionale, non dai consigli comunali. E la ribellione degli elettori del fu centrosinistra è rivolta contro il tradimento di quelle promesse, contro la rimozione di quella memoria, contro la menzogna di chi, per interi lustri, ha chiesto voti contro politiche che, ora, sostiene e consolida.

Cari esponenti del fu centrosinistra, ritrovate la memoria di quello che dovevate essere e che dicevate di voler essere, se ne siete capaci, prima di disquisire sugli elettori che non avete più.


Giovanardi uno di noi!

giugno 25, 2015

Pieno-giorno-Veduta1987

La cronaca del prologo al voto di fiducia sul ddl “la buona scuola” (un appellativo semplicemente ributtante) descrive meglio di ogni dissertazione la degenerazione del processo legislativo.
Il testo di legge, prodotto da un comitato extraparlamentare, è stato pensato in totale disprezzo del corpo docente e dei sindacati, mai neppure consultati ad onta di proteste la cui veemenza avrebbe dovuto quantomeno far riflettere. E siamo nella norma: la cosiddetta riforma Gelmini del reclutamento universitario è nata esattamente allo stesso modo. Ma non finisce qui. Una parlamentare pd, sedente in Parlamento grazie all’incostituzionale legge Calderoli, ha voluto infilarci un emendamento tutto suo (in tema di educazione sessuale, ma la cosa è del tutto irrilevante). Tutto è avvenuto alle spalle del Parlamento che, seppur nominato dalla suddetta orrida legge, resta pur sempre l’unico organo legislativo nazionale. Quindi, a seguito dell’ennesima forzatura regolamentare, il testo di risulta approda in Senato per il voto di fiducia, saltando il parere (che dovrebbe essere obbligatorio), della competente commissione. Una volta approvato, sulla scuola italiana piomberà l’ennesimo macigno burocratico deciso non si sa da chi, non si sa perché, non si sa con quali effetti.
Altro che democratura, altro che autoritarismo. E’ la dittatura del caos, l’arbitrio del casino, lo stravolgimento del processo legislativo, affidato alla casualità dei processi burocratici.
Il risultato è che a balzare agli onori della cronaca parlamentare è nientemeno che Carlo Giovanardi, di cui, in tutta franchezza, avevo perso le tracce. Al suo diniego di votare la fiducia sono ora appese le speranze di quei milioni di italiani (e fra essi quasi tutti gli insegnanti cui ciascuno di noi deve la capacità di leggere e scrivere) indignati dallo sfregio che il partito democratico sta facendo delle istituzioni repubblicane.
Lontani i tempi di Pierferdinando Casini, custode della democrazia dalla poltrona di presidente della Camera, o di Gianfranco Fini argine alla protervia berlusconiana: la sinistra sfiancata e sconfitta incrocia le dita ed inneggia: Carlo Giovanardi uno di noi!


Una tombola da Guinness

giugno 22, 2015

tombola

Chiuse le urne riprendono a proliferare i sondaggi, e la domanda è: chi arriverà al ballottaggio previsto dalla nuova legge elettorale? Chi lo vincerà. E siccome siamo un un’epoca in cui i partiti nascono e muoiono nel corso di un amen, già la scelta delle palline da mettere nel bussolotto è problematica.
Partito democratico contro Lega nord + Forza Italia e Fratelli d’Italia.
E Alfano con chi sta?
Partito democratico contro Movimento cinque stelle.
E se invece fosse Movimento cinque stelle + Lega nord contro Partito democratico?
Ma a questo punto non potrebbe anche succedere che Forza Italia si allei con il pd? E la sinistra di Civati-Vendola-Ferrero-Landini dove la mettiamo?

Abbiamo appena fatto la coperta più grande del mondo e la torre di lego più alta del pianeta. Ci apprestiamo a metter su la più gigantesca tombola della storia dell’umanità.


I babbi di Renzi

aprile 21, 2015

Fugue

Da Veltroni Renzi ha tratto l’idea del partito unico, totalizzante. Quella che Walter chiamava vocazione maggioritaria, con Renzi è evoluta da illusione a possibilità reale: azzerare la sinistra e divorare il centro. Di D’Alema Renzi ha la spregiudicatezza, la propensione all’intrigo parlamentare, la spietatezza verso gli alleati deboli, la slealtà verso gli (ex) amici. Di Veltroni ha la superficialità, la faciloneria, il piacionismo popolare. Da D’Alema ha copiato l’idea dell’accordo con B., lo strame dei programmi elettorali in nome del compromesso con l’avversario per stravolgere la Costituzione.
Chi nel pd si strappa le vesti descrivendone il segretario come un alieno che sta devastando la casa comune, non vede o finge di non vedere che del pd Renzi è il prodotto perfetto. Figlio di papà come i due eterni duellanti che lo hanno preceduto, come loro è il prototipo di chi ha trovato nella politica la via per costruirsi una carriera. Democristiano nato e cresciuto in terra di comunisti, ha fatto dell’unione fra ex dc ed ex pci una creatura che, nella miglior tradizione delle fusioni politiche, ha tratto il peggio da entrambe le componenti.
Altro che emulo di B., Renzi è il figlio politico di D’Alema e di Veltroni che l’incubatrice piddina ha scientemente cresciuto, ed i suoi attuali avversari interni (veri o fasulli) sono mossi soltanto dall’invidia per esser lui riuscito laddove essi han fallito.


Non toccate la legge elettorale

aprile 13, 2015

57d762a63c_quadri-moderni-online-pop-art-2

Se la parola democrazia ha un senso, chiunque ragioni di leggi elettorali dovrebbe dare uno sguardo al panorama partitico attuale, a poche settimane dalle elezioni regionali. I soggetti politici riconoscibili sono i seguenti:
– il partito di Renzi, ovvero quello che fu il pd;
– la dissidenza interna del fu pd, un agglomerato estraneo alla segreteria;
– la sinistra che fu SEL e che ora vede nella coalizione sociale di Landini la possibilità di schiodarsi dalle percentuali irrisorie cui è abituata;
– il Movimento cinque stelle, stabile sul 20%;
– la Lega Nord, fortissima nelle regioni settentrionali, ma solo lì;
– la frazione di centrodestra fedele a Berlusconi;
– la frazione di centrodestra (Ncd, fittiani) che ambisce a superare la figura dell’ex cavaliere.

Anche trascurando quello strano oggetto che si chiama Fratelli d’Italia, che sinceramente non saprei dove collocare e come qualificare, sono almeno sette i soggetti politici riconoscibili che risulta quasi impossibile inquadrare in due schieramenti contrapposti. Il venir meno della figura aggregante di Berlusconi (aggregante pro e contro), ci riporta alla tradizionale geografia politica nazionale, fatta di una molteplicità di partiti distinti, come è sempre stato dal dopoguerra ad oggi.

Prendere atto di questo è un dovere di chi pretende di scrivere le leggi elettorali, e la conseguenza è il riconoscimento che l’Italia non può sottrarsi al proporzionalismo. Una legge elettorale proporzionale, cancellando l’orrido concetto di “voto utile”, restituisce all’elettore la libertà piena di votare per il partito a lui più vicino, favorendo il recupero della partecipazione al voto, che era uno dei pochi vanti nazionali. Leggere di una quota di astensione vicina al 50% in un paese che esibiva una affluenza ai seggi superiore al 90% è uno dei segni peggiori di questi tempi.

A chi obietta che il proporzionalismo penalizza la “governabilità”, subordinando la formazione dell’esecutivo alle trattative fra gruppi parlamentari, rispondo che già ora è così. Con la differenza che i meccanismi premiali (che derivino dal sistema uninominale alla Mattarella o dal maggioritario alla Calderoli) costringono i partiti a mercanteggiare seggi e incarichi prima delle elezioni, quando i rapporti di forza sono dati dai sondaggi e non dai voti reali. E d’altronde chi afferma che i meccanismi premiali garantiscono coerenza fra voto popolare e maggioranza di governo dice una solenne empietà, sol che si osservi come l’attuale maggioranza sia un ibrido inimmaginabile prima del voto del 2013.

E’ quindi venuto il momento di dire che le prossime elezioni dovranno tenersi con la legge elettorale attualmente in vigore: un proporzionale puro. Dando poi ai partiti il compito di misurarsi in parlamento sulla base del consenso reale. E dando a noi poveri elettori bistrattati la possibilità di esprimerci, infine, liberamente.


Il Grande Rattoppo

settembre 26, 2014

Conflitto-310x310

La notizia lanciata da un sito web di una possibile fusione fra Partito democratico e Forza Italia non mi stupisce affatto. Mettiamoci nei panni dei dirigenti del Pd. Come sarebbe stata più facile la vita, in tutti questi anni, se non ci fosse stata la potenza di fuoco di Mediaset sparata contro di loro. Come sarebbe stato più agevole governare (spartendosi poltrone) senza doversi scontrare ogni giorno con le agguerritissime destre. Preoccupandosi pure di accontentare i residui di sinistra. E dal lato di B. Non era meglio stare fin dal principio con il centrosinistra? Senza contare che erano e sono più organizzati, si sarebbe risparmiata una lunga e tormentata alleanza con quel bifolco di Bossi, con un giuda come Fini e con quelle nullità di Casini e Buttiglione. Molto più seri gli altri. Più solidi. Più strutturati.

Sarebbe stata un’alleanza a prova di bomba. L’oratoria di D’Alema, il kennedismo Veltroni, l’esperienza di Napolitano, amplificati e gonfiati dalla forza mediatica di Silvio. Imbattibili.

Ma così non andò. C’era De Benedetti, nemico giurato di B., che da quelle parti la faceva da padrone. E c’era il terribile partito dei giudici, il manipolo di ex magistrati infiltrati nei ds guidati dal perfido Luciano “Vyzinskij” Violante, amico nientemeno che di Giancarlo Caselli. Proprio non si poteva andare con quelli lì: chi glielo spiegava a dell’Utri che si era alleati di un amico di Caselli.

E le cose sono andate come sappiamo, con anni e anni di battaglie parlamentari. Inutili, visto che avrebbero potuto andare d’accordo e spartirsi la Repubblica in santa pace.

La metamorfosi di Violante me la spiego proprio così. Me lo vedo contrito, mentre gli altri del pd lo guardano storto: ma ti rendi conto che per colpa tua Silvio ci ha preferito Fini, Bossi e Casini? Che adesso l’Italia sarebbe nostra? E lui, poverino, cerca di rimediare. Più di ogni altro si sforza di favorire il Grande Rattoppo: mettere insieme Silvio e la sinistra con vent’anni di ritardo.

Lo facciano. Sarebbe quantomeno un atto di chiarezza. Facciano il “Forza partito democratico italiano” o come vogliono chiamarlo. Così a Ballarò potranno limitarsi a mangiare pasticcini e noi ci risparmiamo le loro oscene gazzarre.