La maturità delle foibe e degli UFO

giugno 22, 2010

Anderson_Sophie_Portrait_Of_Young_Girl

Lo ricorderemo così, l’esame di Stato del 2010, che supera per surrealtà quello del 2008 con traccia sul ruolo salvifico e consolatorio della donna.

Questa la traccia.

Ai sensi della legge 30 marzo 2004, n. 92, “la Repubblica riconosce il 10 febbraio quale «Giorno del ricordo» al fine di conservare e rinnovare la memoria della tragedia degli italiani e di tutte le vittime delle foibe, dell’esodo dalle loro terre degli istriani, fiumani e dalmati nel secondo dopoguerra e della più complessa vicenda del confine orientale”.
Il candidato delinei la “complessa vicenda del confine orientale”, dal Patto (o Trattato) di Londra (1915) al Trattato di Osimo (1975), soffermandosi, in particolare, sugli eventi degli anni compresi fra il 1943 e il 1954.

La “complessa vicenda del confine orientale” è un argomento storico interessantissimo, per chi lo ha approfondito, ma è specialistico, e non si capisce perchè gli studenti dovrebbero conoscerlo meglio di altri ben più rilevanti. Ma quel che mi irrita è la chiosa: “soffermandosi in particolare sugli eventi degli anni compresi fra il 1943 3 il 1954”. Il ché obbliga il candidato a delineare il vittimismo nazionalistico e non già la vicenda del confine orientale. Più che il tema in sè, è la spudoratezza dell’imposizione ideologica che si dà alla Storia, come se l’esame di maturità fosse luogo di propaganda.

Se la destra postfascista esulta, si associa ad essa Roberto Giacobbo, che vede riconosciute a livello scolastico le colossali minchiate che propina ai telespettatori di raidue su un argomento suggestivo quanto si vuole, ma che di scientifico possiede NULLA. Così i ragazzi si convinceranno che non serve andare a scuola e tanto vale stare a casa davanti alla tv, chè lì si impara come svolgere i temi per la maturità.

Non oso pensare cosa dobbiamo attenderci nei prossimi anni. A occhio i Templari ed i miracoli di Padre Pio. Amen.