Incostituzionalità del lodo Alfano/2.

ottobre 7, 2009

Fra le tante sciocchezze che circolano in queste ore (Di Pietro e Berlusconi avanti a tutti di svariate lunghezze) ho sentito anche una cosa con qualche elemento di verità: la Corte ha smentito se stessa.

E ciò perchè, secondo gli estensori, il lodo Alfano sarebbe stato scritto apportando al suo antesignano lodo Schifani le modifiche indicate dalla sentenza della Corte che lo dichiarò incostituzionale. Scrissi qui che la Corte usò con il lodo Schifani la mano di velluto, apprezzandone lo spirito ispiratore ma bocciandolo per questioni, per così dire, secondarie. Probabilmente i giudici dell’epoca non potevano immaginare che una maggioranza parlamentare potesse essere così sfrontata da ripresentare in fotocopia una legge già bocciata. Per tale motivo i giuristi del Cavaliere trovarono gli spiragli per riproporre l’immunità per le alte cariche. E allora (faccio un’ipotesi, perchè si dovranno attendere le motivazioni) la Corte ha voluto probabilmente stabilire senza esitazioni due cose: 1) l’articolo 3 della Costituzione stabilisce un principio fondamentale, non è stato scritto per ragioni estetiche; 2) riproporre una legge già giudicata incostituzionale non è cosa gradita ai giudici supremi. Insomma, ci avete rotto le scatole con i vostri intrighi e col vostro diritto infantile, improvvisato e farlocco.

Per inciso, a difendere questo lodo Alfano c’era l’immancabile avvocato Pecorella, già autore della incostituzionale “legge Pecorella” sull’inappellabilità delle sentenze da parte del Procuratore Generale e già candidato a far parte della stessa Corte.  Complimenti.

E comunque una cosa si può dire: Napolitano avrebbe dovuto rifiutarsi di firmare in prima istanza la legge Alfano. Essendo la copia di un testo già bocciato, poteva permetterselo e obbligare la maggioranza a riproporlo forzosamente. Tante delle critiche che si fanno al Capo dello Stato sono immotivate, infondate ed inopportune. Ma su questo punto fu troppo filogovernativo, anche perchè, forse, si era ad inizio legislatura, in piena “luna di miele” fra premier ed elettorato.


Torna il ricatto del premier.

dicembre 15, 2008

La notizia di oggi e’ la seguente (repubblica.it).

***

Pronta una legge allunga-processi
se la Consulta boccia il lodo Alfano
di LIANA MILELLA

Pronta una legge allunga-processi se la Consulta boccia il lodo Alfano

AVVOCATI più potenti, anzi potentissimi. Capaci di allungare a dismisura i tempi di un processo con un nuovo strumento nelle loro mani: “interrogare” tutte le persone che vogliono e “convocare” i testi a difesa “nelle stesse condizioni dell’accusa”. Non basta: “acquisire” ogni altro mezzo di prova ritenuto necessario. Non più come semplice optional, ma come “obbligo” al quale il giudice non può sottrarsi. È l’ultima trovata degli uomini del Cavaliere per salvare il “capo” comunque vada a finire il lodo Alfano. Un articolo del futuro disegno di legge del Guardasigilli, messo a punto e curato nei minimi dettagli dal suo ufficio legislativo e dal consigliere giuridico del premier Niccolò Ghedini, finora strettamente riservato, cambia un articolo del codice di procedura penale (il 190 sul diritto alla prova) e c’infila dentro pari pari il dettato costituzionale sul giusto processo. Le parole del famoso articolo 111, riscritto, discusso e approvato (era il 5 gennaio del 2000) negli anni del centrosinistra con plauso bipartisan, da principio a caratura generale, diventano un potente strumento nelle mani di chi vuole fare melina nei processi e si pone l’obiettivo non di ottenere giustizia in tempi rapidi, ma al contrario allontanare il più possibile nel tempo una sentenza. Una a caso? No, quella dei processi contro Berlusconi, Mills e diritti televisivi attualmente fermi a Milano, se lo scudo del lodo Alfano dovesse fallire il suo appuntamento con la Corte costituzionale.

Leggi il seguito di questo post »


Incostituzionalità del lodo Alfano: 4. Tutti a firmare.

ottobre 4, 2008

Come previsto ed anticipato, il cosiddetto lodo Alfano, ovvero l’ennesima legge salvaberlusconi, approdera’ alla Corte Costituzionale che, con ogni probabilita’, la boccera’. Comprensibile il nervosismo dei legali del premier e la loro stizza verso i giudici di Milano che hanno posto la questione.

Ancora una volta l’istituto della Consulta e’ chiamato a difenderci dall’ennesima aggressione ai principi elementari delle democrazie portata dalla personalita’ di Berlusconi e dalla sua corte.

Ma non possiamo limitarci ad attendere il responso dei supremi giudici, come se essi fossero pontifices di epoca romana prerepubblicana. Antonio Di Pietro ha annunciato una raccolta di firme per sottoporre la legge a referendum abrogativo; e’ presumibile che una tale consultazione non si terra’ mai per intervenuta abrogazione costituzionale, ma credo che ognuno di noi abbia il dovere di apporre la sua firma, per testimoniare la capacita’ e la voglia di difendere i principi di eguaglianza, di liberta’ e di giustizia che ispirano la nostra come le altre democrazie.

Con buona pace di Veltroni (che ha dichiarato che il PD non sostiene l’iniziativa) e dei suoi balbettii, io andro’ a firmare.


Incostituzionalità del lodo Alfano: 3.

settembre 29, 2008

Se vi fossero ancora dubbi sulla legittimità del lodo Alfano, le parole odierne dello stesso presidente del consiglio contribuiscono a diradarli.

Come si sa, il PM ha sollevato innanzi al Tribunale il quesito di legittimità costituzionale della legge ed ora il Giudice è chiamato a decidere se inoltrare la richiesta all’organo competente (la Suprema Corte) o rigettarla e procedere nel processo stralciando la posizione dell’imputato Silvio Berlusconi che verrebbe in tal caso valutata alla scadenza del suo mandato governativo (forse).

In questa fase sarebbe istituzionalmente apprezzabile che il Cavaliere tacesse, attendendo che gli organi istituzionali – che, si rammenta, dovrebbero essere del tutto indipendenti dal potere politico – assumano liberamente le loro decisioni. E invece no. Come è consuetudine di questo signore, che non conosce il significato della locuzione “correttezza istituzionale”, egli lancia oscure minacce alla magistratura, prefigurando una “riflessione sulla giustizia” in caso la Corte bocciasse il lodo. Fin qui si potrebbe interpretare la cosa come una forma di pressione (indebita, inutile sottolinearlo) sulla Corte Costituzionale. Ma il Cavaliere va oltre e punta il dito contro la giudice Gandus, su cui ricade l’onere e la responsabilità di decidere se porre la questione innanzi alla Corte o applicare semplicemente il lodo.

Ricordo infatti che la Corte Costituzionale non può intervenire “d’ufficio” sulle leggi votate dal parlamento, ma deve essere investita di un quesito specifico da parte di un organo giurisdizionale che sia chiamato ad applicare la disposizione di legge in oggetto; in questo caso si tratta del giudice che sta processando Berlusconi. Se Gandus si astenesse dal promuovere il ricorso, la questione di legittimità del lodo non verrebbe posta, perlomeno fino a quando un soggetto interessato (lo stesso Prsidente del Consiglio, il Capo dello Stato o uno dei presidenti delle camere) si venisse a trovare nella condizione di imputato presso qualche tribunale. Nel frattempo il premier rimarrebbe libero dal pocedimento e delle sue responsabilità penali non se parlerebbe (probabilmente mai) più.

Ecco quindi che Berlusconi in persona esercita la sua pressione sulla giudice (la sua giudice, quella che lo sta processando) cercando di indurla a non promuovere ricorso. Ed il perchè di tale solerzia e dell’esposizione personale è facilmente intuibile. Berlusconi sa, perchè glielo hanno spiegato i suoi difensori-deputati-estensori della legge, che il lodo Alfano è palesemente incostituzionale e che i giudici della Consulta non sono quindici fessi che si faranno impressionare dalle sue fanfaronate. Quindi bisogna fermare l’iter prima che parta, bloccare l’istanza prima che arrivi alla Corte, perchè una volta là, la bocciatura è sicura.


Ghedini, il lodo Alfano e Napolitano.

settembre 26, 2008

Come in ogni soap opera appena rispettabile, la vita politica italiana non può rimanere concentrata su una sola delle tragicommedie pubbliche. La vertenza Alitalia è ancora nel vivo: Epifani ha firmato ma il passaggio di proprietà fra Stato e Cai ancora non è avvenuto ed ogni minuto che passa in questa situazione non può che indispettire chi ha additato nella Cgil (manovrata dalla perfida sinistra) l’unica responsabile di un possibile fallimento della compagnia. Ma non basta. Al Tribunale di Milano prosegue il processo Mills, nonostante i difensori dell’imputato Berlusconi avessero omesso di presentarsi alla prima udienza dopo la pausa estiva. C’è da capirli: hanno lavorato sodo per varare una legge che rende improcessabile il loro cliente e perché mai dovrebbero sobbarcarsi la seccatura di andare in udienza? Quel giorno erano ovviamente indaffarati in Parlamento e, in base alle demenziali disposizioni dell’art. 420 c.p.p. (ne ho scritto in apposito post tempo fa), hanno accampato legittimo impedimento per quel giorno. Ovviamente la stampa di regime (cioè tutta) si è limitata a fare del folklore, raccontandoci della bella e giovane avvocatessa ventottenne chiamata per un giorno a difendere il divo Silvio. Nessuno che abbia sottolineato l’abnorme deformazione di un codice che impedisce la celebrazione di un processo sol perché i difensori dell’imputato hanno altro da fare.
Leggi il seguito di questo post »


Incostituzionalità del lodo Alfano 2.

settembre 26, 2008

Come avevo ampiamente previsto, il PM del processo Mills ha annunciato un ricorso alla Corte Costituzionale contro il cosiddetto “lodo Alfano” che, presumibilmente, il giudice farà proprio. Non ho molto da aggiungere a quanto scrissi nel precedente post di ugual titolo e nel quale avevo riportato brani della sentenza della Corte che dichiarò incostituzionale il lodo Schifani. Una sentenza mite, nel senso che, in nuce, riconosceva la legittimità del principio ispiratore della legge, censurandone però alcuni aspetti formali. Mi auguro che questa volta la Consulta sia più netta, cassando senza esitazioni il principio di impunità per alte cariche dello Stato che, come chiunque comprende senza sforzo, confligge in maniera insanabile ed insopportabile col principio sancito dall’art. 3 Cost., ovvero l’uguaglianza di tutti i cittadini davanti alla legge.

Stiamo vivendo un momento storico particolare, nel quale lo iato fra la classe dirigente e la cittadinanza sta assumendo proporzioni patologiche ed irreversibili, tanto da ingenerare la sensazione di un suo trasformarsi in conflitto, latente od esplicito. Mi sento di dire che la Corte, mai come oggi, deve far valere la propria funzione a tutela della Carta fondamentale, ovvero dei principi ispiratori più profondi in essa contenuti. Ma non deve mancare a suo supporto la voce dell’opinione pubblica, o perlomeno di quella parte di essa (minoritaria?) non disposta ad accettare il sopruso e l’illegalità come strumenti abituali della vita pubblica.


Incostituzionalità del “lodo Alfano”.

agosto 6, 2008

Affogato nel caldo agostano ho trascurato il blog. Chiedo venia.

Ma il mondo va avanti ed è entrato nel nostro ordinamento quella che pochi mesi fa sembrava un’aberrazione definitivamente archiviata nel passato: l’immunità prevista dal cosiddetto “lodo Alfano”.
Con una singolare coincidenza, l’estate successiva alle elezioni si rivela periodo idoneo a far digerire agli italiani provvedimenti in materia di “Giustizia” (usare questo vocabolo a tali riguardi fa sbellicare ma anche un po’ piangere): se nel mese di agosto 2006 ad entrare in vigore fu l’agghiacciante indulto voluto da quasi tutti i partiti, ora ci tocca accettare lo scudo penale totale per le alte cariche dello Stato. La norma (che non riporto perché è già scritta nel blog in altro post) mi appare decisamente incostituzionale e non sono certo il solo a pensarlo.
Dichiarare immuni dal processo per qualsiasi reato quattro cittadini della Repubblica in ragione della funzione istituzionale da essi assunta è un fatto abnorme. Tuttavia la maggioranza afferma che la legge “recepisce i rilievi che la Corte Costituzionale aveva sollevato” in merito al lodo Schifani, di cui il lodo Alfano è riproposizione pedissequa, perlomeno per quanto riguarda l’oscena ed inconfessabile finalità di preservare dagli effetti del processo Mills il Presidente del Consiglio.

Leggi il seguito di questo post »


E’ solo l’inizio.

luglio 23, 2008

Il lodo Alfano è legge, e al contempo è scomparsa dal decreto-sicurezza la norma blocca-processi. Tutto a posto per Berlusconi? Acque finalmente tranquille?

Non credo. Di Pietro ha precipitosamente annunciato la raccolta di firme per un referendum abrogativo, ma ho qualche dubbio sulla sua utilità. L’esperienza insegna che portare a votare più del 50% degli aventi diritto è impresa ardua anche quando la norma sottoposta a giudizio popolare ha suscitato clamore. Perchè il clamore resta circoscritto fra chi segue, almeno superficialmente, la politica, e non arriva a grandissima parte della popolazione.

Piuttosto sono certo che il tribunale di Milano (più precisamente il giudice Gandus) solleverà la questione di legittimità costituzionale riaprendo lo scontro e investendo la Consulta per la seconda volta in poco tempo del medesimo problema. E ho ragione di credere che la Corte boccerà come incostituzionale anche il lodo Alfano, così come fece con la sua versione precedente, il lodo Schifani. Ed esploderà, ancor più fragoroso, il conflitto fra le istituzioni dello Stato. Mettiamoci di mezzo anche la pretesa riforma della Giustizia che questo governo annuncia per l’autunno e siamo a posto.


Lodo Alfano e lodo Schifani.

luglio 10, 2008

Visto che se ne parla, vale forse la pena confrontare i testi dei cosiddetti lodo Alfano e lodo Schifani. Non aggiungo commenti, perché ritengo che non ce ne sia bisogno. Rammento solo che il lodo Schifani è stato dichiarato incostituzionale dalla Corte Costituzionale.

Leggi il seguito di questo post »


Lodo Alfano.

luglio 8, 2008

Non so dove, su quale sito, mi è caduto l’occhio su un titolo riguardante i malumori di Veronica Lario nei confronti del marito. Mi pare di aver capito che ciò sarebbe dovuto alle dicerie originate dalle intercettazioni della Procura di Napoli, dalle quali emergerebbero rapporti particolari del Cavaliere con alcune ministre. Comprensibile. Ma la signora Lario dovrebbe forse preoccuparsi anche del cosiddetto lodo Alfano, che metterà al riparo il premier da ogni indagine penale per i prossimi cinque anni di legislatura e probabilmente per i successivi sette, se questi diverrà Capo dello Stato. Già, perchè lo scudo giudiziario che si sta approntando per le quattro maggiori cariche dello Stato, riguarda tutti i reati commessi da chi le ricopre, e non solo quelli commessi nell’esercizio delle funzioni. E ciò, contrariamente a quanto ci si vuole far credere, contrasta con qualsiasi forma di immunità esistente negli altri paesi democratici. Perchè a nessuna persona dotata di senno e di un barlume di senso democratico potrebbe venire in mente di dichiarare improcessabile il capo del governo qualora questi – per fare un esempio – accoppasse la moglie. Ma così accadrà nel nostro paese. Schifani, Fini, Napolitano e Berlusconi diverranno completamente immuni da qualsiasi azione penale, per qualsiasi delitto abbiano commesso o dovessero compiere: dallo spaccio di droga all’omicidio, dall’usura all’abigeato, dall’incendio doloso al peculato.
Leggi il seguito di questo post »


Contro le nuove leggi ad personam.

luglio 4, 2008

Copio ed incollo da repubblica.it. Io ho sottoscritto il documento come consentito dal sito.

Lodo e processi rinviati
strappo all’uguaglianza

I sottoscritti professori ordinari di diritto costituzionale e di discipline equivalenti, vivamente preoccupati per le recenti iniziative legislative intese: 1) a bloccare per un anno i procedimenti penali in corso per fatti commessi prima del 30 giugno 2002, con esclusione dei reati puniti con la pena della reclusione superiore a dieci anni; 2) a reintrodurre nel nostro ordinamento l’immunità temporanea per reati comuni commessi dal Presidente della Repubblica, dal Presidente del Consiglio dei Ministri e dai Presidenti di Camera e Senato anche prima dell’assunzione della carica, già prevista dall’art. 1 comma 2 della legge n. 140 del 2003, dichiarato illegittimo dalla Corte costituzionale con la sentenza n. 24 del 2004, premesso che l’art. 1, comma 2 della Costituzione, nell’affermare che “La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione”, esclude che il popolo possa, col suo voto, rendere giudiziariamente immuni i titolari di cariche elettive e che questi, per il solo fatto di ricoprire cariche istituzionali, siano esentati dal doveroso rispetto della Carta costituzionale, rilevano, con riferimento alla legge di conversione del decreto legge n. 92 del 2008, che gli artt. 2 bis e 2 ter introdotti con emendamento a tale decreto, sollevano insuperabili perplessità di legittimità costituzionale perché: a) essendo del tutto estranei alla logica del cosiddetto decreto-sicurezza, difettano dei requisiti di straordinaria necessità ed urgenza richiesti dall’art. 77, comma 2 Cost. (Corte cost., sentenze n. 171 del 2007 e n. 128 del 2008); b) violano il principio della ragionevole durata dei processi (art. 111, comma 1 Cost., art. 6 Convenzione europea dei diritti dell’uomo); c) pregiudicano l’obbligatorietà dell’azione penale (art. 112 Cost.), in conseguenza della quale il legislatore non ha il potere di sospendere il corso dei processi, ma solo, e tutt’al più, di prevedere criteri – flessibili – cui gli uffici giudiziari debbano ispirarsi nella formazione dei ruoli d’udienza; d) la data del 30 giugno 2002 non presenta alcuna giustificazione obiettiva e razionale; e) non sussiste alcuna ragionevole giustificazione per una così generalizzata sospensione che, alla sua scadenza, produrrebbe ulteriori devastanti effetti di disfunzione della giustizia venendosi a sommare il carico dei processi sospesi a quello dei processi nel frattempo sopravvenuti; rilevano, con riferimento al cosiddetto lodo Alfano, che la sospensione temporanea ivi prevista, concernendo genericamente i reati comuni commessi dai titolari delle sopra indicate quattro alte cariche, viola, oltre alla ragionevole durata dei processi e all’obbligatorietà dell’azione penale, anche e soprattutto l’art. 3, comma 1 Cost., secondo il quale tutti i cittadini “sono eguali davanti alla legge”.

Osservano, a tal proposito, che le vigenti deroghe a tale principio in favore di titolari di cariche istituzionali, tutte previste da norme di rango costituzionale o fondate su precisi obblighi costituzionali, riguardano sempre ed esclusivamente atti o fatti compiuti nell’esercizio delle proprie funzioni. Per contro, nel cosiddetto lodo Alfano la titolarità della carica istituzionale viene assunta non già come fondamento e limite dell’immunità “funzionale”, bensì come mero pretesto per sospendere l’ordinario corso della giustizia con riferimento a reati “comuni”.

Per ciò che attiene all’analogo art. 1, comma 2 della legge n. 140 del 2003, i sottoscritti rilevano che, nel dichiararne l’incostituzionalità con la citata sentenza n. 24 del 2004, la Corte costituzionale si limitò a constatare che la previsione legislativa in questione difettava di tanti requisiti e condizioni (tra cui la doverosa indicazione del presupposto – e cioè dei reati a cui l’immunità andrebbe applicata – e l’altrettanto doveroso pari trattamento dei ministri e dei parlamentari nell’ipotesi dell’immunità, rispettivamente, del Premier e dei Presidenti delle due Camere), tali da renderla inevitabilmente contrastante con i principi dello Stato di diritto.

Ma ciò la Corte fece senza con ciò pregiudicare la questione di fondo, qui sottolineata, della necessità che qualsiasi forma di prerogativa comportante deroghe al principio di eguale sottoposizione di tutti alla giurisdizione penale debba essere introdotta necessariamente ed esclusivamente con una legge costituzionale.

Infine, date le inesatte notizie diffuse al riguardo, i sottoscritti ritengono opportuno ricordare che l’immunità temporanea per reati comuni è prevista solo nelle Costituzioni greca, portoghese, israeliana e francese con riferimento però al solo Presidente della Repubblica, mentre analoga immunità non è prevista per il Presidente del Consiglio e per i Ministri in alcun ordinamento di democrazia parlamentare analogo al nostro, tanto meno nell’ordinamento spagnolo più volte evocato, ma sempre inesattamente.

(4 luglio 2008 )