Per una volta che l’avevano indovinata..

giugno 8, 2017

 

astratto-con-oro-gatto-e-cane-70x50cm-25445

E’ venuto il momento di dire che il modello di legge elettorale attualmente all’esame della Camera è forse il migliore possibile nella fase attuale. E mi azzardo a dire che è il migliore fra tutti i modelli di leggi elettorali che la Repubblica abbia avuto.

Finalmente si è arrivati alla conclusione che il principio della proporzionalità è connaturato alla geografia politica nazionale ed all’impostazione generale della nostra Costituzione. E’ vero che il sistema proporzionale puro e senza sbarramenti con il quale votammo nel quarantennio democristiano incentivava le degenerazioni tipiche dei parlamenti eccessivamente frammentati, e proprio per questo la soglia del 5% mi pare un elemento decisamente apprezzabile. Magari lo avessimo avuto negli anni 50-90: avremmo avuto una politica meno balcanizzata, più lineare, più efficiente, più leggibile.

Non c’è dubbio che questa versione italica della legge elettorale tedesca sia di gran lunga migliore della legge Calderoli e della sua versione successiva definita “italicum”. Erano, queste ultime, autentici obbrobri sia sul piano logico che su quello politico.

Ma quello che mi sento di dire è che la bozza uscita dall’accordo a quattro (Pd, Fi, Lega e M5S) era e sarebbe largamente preferibile alla legge Mattarella che governò le tornate elettorali degli anni ’94, ’96 e 2001. La lettura di quelle campagne elettorali e delle vicende parlamentari che ne seguirono mostra che il sistema uninominale secco su cui era incardinata la legge Mattarella era del tutto inadatto al paese Italia.

Per fare breve memoria, ricordo che nel 1994 il sistema uninominale premiò un’alleanza duplice (Fi-Lega al nord, Fi-An al centrosud) che si lacerò dopo soli sette mesi, lasciando il campo ad una maggioranza “anomala” su cui si resse il governo tecnico Dini fino al 1996. Anno nel quale prevalse sì l’Ulivo, ma solamente grazie alla formula ambigua della desistenza con Rifondazione comunista. Ed i risultati si ebbero nel 1998, con la caduta del Prodi 1.

Dopo i traccheggi susseguenti (D’Alema e Amato), ci fu l’ordalia del 2001, anno dalla quale nacque la maggioranza elettorale numericamente più ampia di tutta la storia della Repubblica (Fi-An-Lega-Ccd-Cdu) ed il governo più longevo di sempre. Primati del tutto inutili perché quella legislatura fu caratterizzata dal più totale immobilismo: nessun risanamento dei conti pubblici (e la crisi del 2007 era di là da venire), nessuna riforma dello Stato o dell’economia. E non fu per caso. Perché quella legge forzava la nascita di grandi coalizioni eterogenee fra forze divergenti, ontologicamente impossibilitate a governare.

Pur premettendo che la legge elettorale perfetta non esiste, bisogna riconoscere che dall’inedita intesa Pd-Fi-Lega-M5S era nata una buona legge (pur se perfettibile con il voto disgiunto). Apprendo però che sembra tutto naufragato e di ciò non posso che dolermi.