È sempre colpa degli altri

giugno 18, 2017

colpa

Senza distinzione di colore o di categoria, l’Italia è popolata di maestri di pensiero che eccellono nel puntare il dito contro i soggetti responsabili dei mali nazionali.

Per qualcuno sono i sindacati, per altri i magistrati, oppure gli evasori fiscali, per moltissimi sono i partiti, per tacere della burocrazia. Pochi, davvero pochi, indicano i malfattori (mafiosi, corrotti, truffatori…), ma l’elenco può continuare. Con i fannulloni, ovviamente con gli immigrati, con i meridionali (categoria in ribasso ma sempre in agguato), con i dipendenti statali, eccetera. Un ceto mette tutti d’accordo: i politici. Quasi nessuno, nemmeno i politici stessi, li salva e li esclude dal proprio novero personale delle classi nocive alla collettività, e fra i principali accusatori del mondo politico vi è l’insieme degli intellettuali, o definiti tali, che il sistema mediatico ha eletto a censori permanenti del costume nazionale, grazie a posizioni fisse su quotidiani e settimanali e soprattutto nei programmi televisivi.

Personalità come Massimo Cacciari, Michele Serra, Ernesto Galli della Loggia (e mi fermo per esigenza di sintesi), da decenni fustigano, spesso con valide ragioni, va riconosciuto, la classe politica nazionale, la quale, va detto pure questo, è lì perché scelta dagli elettori e non per le proprie doti culturali.

Raramente però qualcuno ha osato criticare proprio il mondo intellettuale che, appunto perché tale, avrebbe forse potuto fare qualcosa di più e di meglio, anziché correre a schierarsi con questa o quella fazione, come di fatto è avvenuto, mettendo a disposizione delle parti politiche e non della collettività le proprie competenze e capacità.

Scendendo nello specifico vorrei tornare al triennio 1991-1994, che segna una svolta cruciale nel percorso storico nazionale.

Il dissolvimento dell’Unione sovietica e la fine della tutela statunitense sulla politica nazionale, che aveva fatto dell’Italia una repubblica a sovranità limitata, comportò la deflagrazione dei partiti tradizionali e la transizione al nuovo sistema cosiddetto bipolare – che di fatto bipolare non fu mai – incardinato su due non-ideologie contrapposte: berlusconismo ed anti-berlusconismo. Due non-ideologie che hanno prodotto l’alternanza fra schieramenti depositari di non-politiche e di non-programmi, con il risultato che ora assistiamo al dissolvimento della politica tout-court ed al dilagare del “populismo”. Ma chissà come mai.

Mi domando: non erano forse gli intellettuali a doverci mettere in guardia da questa deriva? Mentre i politici, come è logico che sia, andavano in cerca di consensi, non toccava forse agli intellettuali avvisarci del gigantesco inganno che si stava consumando ai danni degli italiani?

Ed invece gli intellettuali, gli stessi che tuttora pontificano in tv, erano anch’essi schierati, se non direttamente impegnati in politica, su questo o quel versante, intenti a baloccarsi in disquisizioni su bipolarismi, liberalismi, grandi riforme e superamenti (di questo o di quello, c’era sempre qualcosa da superare) e su altre questioni che mai hanno realmente trovato attuazione o concreto riscontro nella realtà.

In verità, in quegli anni di svolta, una era la cosa fondamentale da dire, e toccava agli intellettuali raccontarla, imporla all’attenzione di tutti. Con la fine della Guerra fredda cessava l’epoca della tutela americana sull’Italia, finiva il nostro dopoguerra di Paese sconfitto nella seconda guerra mondiale divenuto avamposto USA nella susseguente guerra all’URSS. E bisognava dire a noi stessi che era venuto il momento in cui l’Italia doveva cominciare a camminare con le proprie gambe, senza la tutela della maggior superpotenza mondiale, che ci teneva sì sotto controllo, ma ci lasciava anche grande libertà interna. Infatti, in cambio dell’esclusione del Pci dal governo e della presenza militare sul nostro territorio, alla politica italiana era consentito quasi tutto: gestione para-socialista dell’economia, debito pubblico e deficit quanto si voleva (tripla A di rating pur in presenza di un grave disavanzo primario), energia, credito e servizi interamente nazionalizzati, scuola e sanità come meglio ci piaceva.

Finita questa epoca, avremmo dovuto per la prima volta fare delle scelte autonome, affrontare la realtà con la consapevolezza di poter contare solo su noi stessi. Ed invece, complice il ceto intellettuale, ci siamo imbarcati in una grottesca guerra interna su inutili riforme costituzionali (fortunatamente mai fatte), su leggi elettorali sempre più strane (cominciammo con Mario Segni e siamo ancora qui, in un dibattito che sembra non finire mai), su berlusconismo ed antiberlusconismo, su federalismo sì o no, su comunismo, anticomunismo e post-comunismo, su fascismo, antifascismo e post-fascismo.

E mentre ci si accecava con queste vuote discussioni, l’apparato industriale quasi miracolosamente creato dagli oggi rimpianti democristiani è andato disperso. E soprattutto, orfani della tutela americana ed incapaci di assumerci le nostre responsabilità storiche e politiche, ci siamo consegnati ad altri soggetti extra o sovra nazionali (siano essi organismi ONU, europei, o Stati esteri), i quali, a differenza degli Stati Uniti che furono, ci dettano le politiche da attuare. Ci dicono cosa produrre e come produrlo, che tasse imporre e che pensioni pagare, come gestire i servizi, la sanità e la scuola. Ci impongono, senza neppure usare eufemismi, i “compiti a casa”.

Se c’era qualcuno che poteva e doveva dire allora: “guardate che finirà così”, credo che fossero proprio gli storici, gli economisti, i politologi, i sociologi. I quali, invece, erano in prima fila a battibeccare nel pollaio nazionale, allora come ora.

 


Museo delle guerre

novembre 7, 2013

nave2

Qualche mese fa, leggendo dell’eterna questione sul riutilizzo del Porto vecchio mi domandai cosa mai se ne potrebbe fare.

Personalmente dubito che affidare ad investitori privati il riuso dell’area possa dare qualcosa di positivo alla città di Trieste. L’esperienza insegna che in Italia il privato che rileva qualcosa dallo Stato lo fa solo a fini speculativi e, in definitiva, provoca un danno alla collettività. E’ stato così per Telecom, possiamo aspettarci qualcosa di diverso per il Porto vecchio?

Allora, pensando alla tanto rivendicata specificità di Trieste, penso che Trieste ha sì qualcosa di particolare, di diverso dalle altre città italiane: è un simbolo di tutte le guerre del ventesimo secolo.

Per Trieste (anche per Trieste) l’Italia combatté la prima guerra mondiale.

A Trieste la seconda guerra mondiale conobbe uno dei suoi risvolti più anomali e feroci, con la resa delle truppe italiane agli jugoslavi e ed il subentro dei tedeschi a difendere la città dalle mire espansioniste di Tito. Unica città non tedesca, credo, che fu difesa solo dai tedeschi e non dai propri militari.

Trieste fu un simbolo della guerra fredda, essendo il vertice basso della cortina di ferro che partendo da Danzica tagliava il continente.

Infine Trieste è la città testimone (un po’ guardona) dell’ultima guerra europea, ovvero quella jugoslava del 1991-1995.

Allora il Porto vecchio potrebbe ospitare un Museo delle Guerre, di tutte le guerre del ventesimo secolo, nel quale archiviare ed esporre armi, uniformi, materiali, documenti e ricordi di quei conflitti. Con il vantaggio di poter accogliere oltre ai mezzi di terra anche quelli di mare. E grazie agli spazi immensi di cui dispone, anche velivoli militari.

Oggi leggo sul Piccolo che qualcuno pensa di trasferire qui a Trieste l’incrociatore “Vittorio Veneto”, ormai dismesso, per renderlo visitabile al pubblico.  Quindi non sono il solo ad avere l’idea di fare di Trieste un polo per il turismo militare.

Quindi lancio la proposta di creare in Porto vecchio il “Museo delle guerre”. Dello Stato, coi soldi del Ministero della Difesa. Per attrarre qui i tanti appassionati del genere. Archiviando per sempre l’idea di fare di quell’area un improbabile nuovo quartiere di Trieste.