Amnistia?

agosto 24, 2013

mario-mauro-300x190

Un bizzarro scherzo del destino ha fatto seguire alla prima condanna definitiva di Berlusconi la sospensione estiva dell’attività politica e giudiziaria: un mese e mezzo nel corso del quale il calderone della politica e del giornalismo sta putrefacendosi come un vaso di maionese dimenticato al sole prima di partire per le vacanze. E’ legittimo chiedersi quali orribili vermi ne usciranno quando lo scoperchieremo.

Intanto assistiamo sgomenti ad un surreale dibattito sul nulla e dal quale, non potendone sortire alcunché di logico, può uscire solamente un coacervo di insensatezze eversive.

Non c’è spazio per l’opinione, per il ragionamento, per la serietà. Si passa dagli elzeviri provocatori e surreali di Travaglio (che a nulla servono se non ad aizzare i suoi detrattori) ai pensosi e penosi editoriali “pacificanti” del corsera (che hanno il solo esito di annientare la reputazione acquisita in decenni dalle firme di via Solferino). Dagli show televisivi dei nuovi giornalisti-cabarettisti (esperti in esibizione del loro nulla culturale) al dramma degli autori satirici che nulla più sanno ideare che non sia già avvenuto realmente. La schizofrenia di Repubblica (che con Mauro dice una cosa e con Scalfari un’altra) è surclassata da quella dei quotidiani Il Giornale e Libero che, nel tentativo di elaborare una strategia per far sparire una condanna definitiva per frode fiscale, raggiunge livelli inimmaginabili.

Taccio sullo spettacolo offerto da parlamentari e ministri.

La più rodomontesca idea piovutaci sulla testa è quella di un’amnistia. Provvedimento erga omnes che estingue i reati  e che dovrebbe ovviamente includere la frode fiscale. Il placido candore con il quale due ministri della repubblica hanno avanzato tale ipotesi mi obbliga a una riflessione.

Affinché ne benefici Berlusconi, autore di una frode fiscale colossale, l’amnistia dovrebbe includere tutti i responsabili di tale reato i quali, per effetto della sua estinzione, vedrebbero estinto anche l’obbligo di pagamento della somma evasa. Quindi l’amnistia si trasformerebbe automaticamente in un gigantesco condono fiscale nei confronti  degli autori di frode fiscale. Non però, in linea di principio, di chi ha evaso o eluso il fisco senza commettere reato. Di chi, per esempio, non ha versato le imposte per il semplice motivo che non dispone dei denari per farlo. Ci troveremmo in una situazione per cui chi ha evaso per necessità, per superficialità o comunque senza dolo, rimarrebbe esposto all’azione di rivalsa dell’Agenzia delle Entrate, mentre chi ha scientemente frodato il fisco (anche per cifre enormi come Berlusconi) si vedrebbe condonato interamente il debito verso l’Erario.

Una disparità di trattamento che ben difficilmente supererebbe un vaglio di costituzionalità, tanto da obbligare il Parlamento ad estendere l’effetto condono dell’amnistia a tutti i contribuenti in debito con lo Stato.

E sarebbe la nemesi. In questa visione immaginifica prospettata da Cancellieri e da Mauro, la condanna di Berlusconi di trasformerebbe in un gigantesco lavacro per tutti gli evasori fiscali, in un tripudio di cartelle esattoriali date festosamente alle fiamme in onore di Re Silvio. E pazienza se ne dovesse conseguire il tracollo dei conti pubblici.

Leggo i giornali, penso queste cose e mi chiedo se un giorno la nostra comunità ritroverà un barlume di logica e di buon senso.


Il Giornale e la vecchia guardia

agosto 18, 2013

feltri2

Solidarietà per il Giornale di Sallusti.

Fallito l’attacco al giudice Esposito, che pare abbia già sommerso di querele mezza redazione, l’organo ufficiale della famiglia Berlusconi ha assillato il ferragosto dei suoi lettori con una raffica di soluzioni politico-giudiziarie allo psicodramma del Cavaliere.

Salvacondotto, agibilità politica, grazia, mezza grazia, commutazione della pena, lodo Sallusti.. Poi un ventaglio di pareri pseudogiuridici su ineleggibilità ed incandidabilità, con interpretazioni fantasiose della legge Severino e sui precedenti casi di decadenza. Il tutto mescolato al batter di pugni sullo sfregio giudiziario alla volontà di “dieci milioni di italiani”.

Ieri la home page ha ospitato il parere sull’argomento di Sua Penna Reale Vittorio Feltri. Come quando Napoleone, vistosi a mal partito a Waterloo, lanciò nella mischia la Vecchia Guardia.

L’eccelso (http://www.ilgiornale.it/news/interni/qui-ci-vuole-scudo-alleuropea-943695.html) ha sfoderato un capolavoro di insensatezza che ha polverizzato in poche righe la gigantesca mole di idiozie accumulate da tutta la redazione in due settimane, invocando la reintroduzione dell’immunità parlamentare per “allinearci in toto ai dogmi europei”.

Tentando di far credere ai lettori che nei paesi dell’area UE sia in vigore una legge che consente ai parlamentari di frodare il fisco impunemente (senza però avere il coraggio di scriverlo apertamente), Feltri invoca una sorta di reintroduzione a tempi record dell’immunità parlamentare per sanare la posizione di Silvio Berlusconi.

Una tesi tanto strampalata, inverosimile e bislacca da far venire in mente il grido delle prime linee napoleoniche poco prima della rotta definitiva: “ La Guardia? Che fa la Guardia? La Guardia arretra!”.


La sentenza Mediaset è solo l’inizio

agosto 15, 2013

degregorio

Estraggo dal Fatto Q. di oggi poche frasi dall’intervista a Sergio De Gregorio (sperando di non violare i diritti d’autore).

D. De Gregorio ha parlato ai pm di Napoli anche di un episodio che riguarda i diritti tv Mediaset.

R. La mancata rogatoria a Hong Kong dei magistrati di Milano, nel 2007.

D. Fondi neri per milioni di euro riconducibili a Frank Agrama, condannato con B. per i diritti tv Mediaset.

R. Centinaia di milioni di euro. Una montagna enorme di soldi con una triangolazione tra Stati Uniti, Hong Kong e Italia. Il processo ha cristallizzato solo una parte minima dei fondi neri di Mediaset.

Non servono commenti.