Un voto ben proporzionato

ottobre 13, 2017

urna

Il triste rito cui assistiamo per l’approvazione della nuova legge elettorale dimostra, se che ne fosse ancora bisogno, il fallimento del renzismo. All’alba della sua parabola, il primo proclama di Matteo Renzi fu proprio questo: la priorità è una nuova legge elettorale. In verità, eravamo nel pieno della crisi, tutti pensavano che le priorità fossero altre: il lavoro, la disoccupazione, la difesa del welfare, la salvaguardia dell’economia nazionale. Invece no, secondo lui la priorità era la legge elettorale, a riprova della genesi tutta endopolitica della nuova leadership democratica.

Nulla di strano: Renzi era lì non per meriti propri o capacità politica, ma per scelta dell’informe corpo del PD (non del suo elettorato, ma del vasto esercito di eletti, dirigenti e soggetti contigui che ne costituisce la cosiddetta nomenclatura diffusa) allo scopo di portare a compimento il progetto iniziale del primo segretario Walter Veltroni: chiudere la stagione del centrosinistra per dare vita a quella delle larghe intese con Berlusconi. Un progetto fallito con la rovinosa sconfitta del 2008, che consegnò la maggioranza al centrodestra, ma rimasto privo di alternative vincenti, dal momento che la restaurazione dalemiana (e quindi antiveltroniana) incarnata da Bersani e dalla coalizione Italia Bene Comune si era spiaggiata nella non-vittoria del 2013.

Renzi era stato quindi issato al comando per chiudere i conti con D’Alema e Bersani (ed in effetti almeno in questo è riuscito: metterli alla porta), ma si era trovato di fronte un problema inatteso: il grande consenso elettorale del Movimento cinque stelle che privava l’agognata alleanza del titolo di Grande coalizione. Di qui nasce l’idea del cosiddetto Italicum, congegno elettorale finalizzato ad annientare il consenso elettorale grillino. Ma in questo Renzi ha dato il suo peggio, producendo una legge obbrobriosa, falcidiata dalla Corte costituzionale, e soprattutto incaponendosi a volerla incastonare in una riforma della Carta talmente malscritta da far inorridire anche i più benevoli dei suoi sostenitori.

Come risultato, si ritrova ora con un partito mutilato a dover far approvare ad altri (il Governo) una legge con la medesima finalità di soffocare il M5S, ed a farlo a ridosso delle elezioni per non dare tempo alla Corte costituzionale di pronunciarsi.

Una sovrapposizione di forzature istituzionali mai vista in tutta la storia repubblicana, ed a rendere ancor più folkoristicamente mesto il quadro, è l’aver scelto come front man un campione di sconfitte elettorali come Ettore Rosato, battuto due volte su due nelle elezioni a presidente della provincia ed a sindaco di Trieste.

A questo triste passaggio arriviamo, non casualmente, dopo decenni spesi a riporre nella legge elettorale virtù taumaturgiche che essa, ovviamente, non può avere. Non può dipendere dalla legge elettorale avere buoni o cattivi parlamentari, maggioranze stabili o no, o addirittura la possibilità di avviare processi riformatori virtuosi. La legge elettorale, comunque sia scritta, può fare due cose solamente: pesare il consenso dei partiti e contribuire a selezionare i parlamentari. La bontà delle politiche dipende dalla capacità dei partiti di selezionare persone oneste, capaci, e sinceramente dedite al bene collettivo.

Per questo motivo va ribaltato il senso stesso del dibattito degli ultimi cinque lustri. La legge elettorale non deve e non può essere un meccanismo che il ceto politico utilizza per risolvere i propri problemi, ma il canale che consente all’elettore di esprimere al meglio il proprio sentire politico. Mai come oggi si avverte il bisogno di una legge scritta pensando all’elettore e non all’eletto. I nefasti esempi della Gran Bretagna, con l’insensato voto sulla Brexit, e della Catalogna sono le spie di quel che accade quando l’elettore non dispone di strumenti idonei per integrarsi collettivamente nelle istituzioni.

In questa fase, l’Italia ha bisogno di un grande bagno di proporzionale, che restituisca al cittadino il sano potere di votare per il partito a lui più vicino, con atto scevro da calcoli sull’utilità del voto e su quote, listini e collegi.

Si dice che con il proporzionale non nascono maggioranze. Beh, neppure con gli altri sistemi è certo che ciò avvenga, e va detto che alcune delle maggioranze che ci hanno regalato le vecchie leggi ce le saremmo volentieri risparmiate. Anche in Germania (dove, guarda caso, hanno il proporzionale) sono senza una maggioranza elettoralmente espressa e privi di governo (ad alcune settimane dal voto), ma ciò non impedisce loro di essere l’attuale superpotenza economica e politica europea.

Il mio auspicio è quindi di votare con una legge proporzionale, e, se non si formerà un governo, di rivotare dopo un anno, o dopo sei mesi. In fondo, il voto è l’acqua della democrazia, e non capisco perché non abbondarne.

 

Annunci

Il grande inganno permanente

agosto 7, 2014

vassily_kandinsky_047_composizione_VII

“Alle prossime elezioni in Pd andrà da solo”. Sono le parole del segretario del neonato partito democratico, che ne impressero la linea fin dal 2007. Linea che si tradusse nell’immediata caduta del governo Prodi e nelle elezioni politiche del 2008.

Un esordio che, letto allora come oggi, delinea il senso stesso del partito democratico: larghe intese. La strategia veltroniana del 2008, non può dedursi che questo, era finalizzata a “pareggiare” le elezioni, ottenendo un numero di senatori pari a quelli del centrodestra, in modo da rendere inevitabile un governo di coalizione con i vincitori (della Camera). Il progetto fallì, ma rimase in quel partito la voglia irresistibile dell’accordo con Silvio B., come dimostra la storia successiva, con relative variazioni sul tema (l’alleanza strumentale con Sel), sia che ci fossero Franceschini o Bersani. E come dimostra la fase attuale, con il premier e segretario Renzi proteso a ricercare l’accordo politico con Forza Italia, sia per il governo che per le cosiddette riforme istituzionali.

E gli elettori del Pd sono le vittime di questo permanente grande inganno. Chiamati a votare contro B., per ritrovarsi alleati di B.


Larghe intese? Immorale

aprile 23, 2013

Se la legge elettorale Calderoli è incostituzionale (e secondo molti lo è), il governo di larghe intese che sta nascendo è immorale, per una considerazione planarmente elementare basata sulle dichiarazioni di oggi di Nichi Vendola, che non lo sosterrà.

Il Partito democratico dispone alla Camera di 292 seggi, su 340 della coalizione “Italia bene comune”, ottenuti grazie al premio di maggioranza che deriva dal vantaggio di 125mila voti sulla coalizione di centrodestra. Vantaggio che si è generato grazie ai voti  ottenuti da Sinistra Ecologia e Libertà (oltre un milione) che non farà parte della maggioranza in via di costituzione. Se il Pd non si fosse alleato con SEL, di deputati ne avrebbe circa un centinaio e l’alleanza con il centrodestra avrebbe tutt’altri connotati. E’ evidente che gli elettori di Vendola, votando la coalizione di Bersani, tutto volevano tranne che si facesse un governo con Berlusconi, ma di fatto il loro voto ha garantito l’elezione di quasi 200 deputati che sosterranno un governo con il PdL, mentre i loro rappresentanti se ne staranno all’opposizione.

Basterebbe questo, a disgustarci ed a farci dire no all’obbrobrio che si sta apparecchiando. Ma c’è ben altro e ben di peggio. A presto.


Bersani, Grillo e la prescrizione

marzo 8, 2013

300x01293013863199berlusconi-tribunale

Nel gran dibattere di costi della politica, province da abolire e parlamentari da dimezzare, è sparito dal dibattito post elettorale l’argomento giustizia. E le “leggi vergogna”? Grillo e il pd non ci hanno promesso di abolirle? O forse ho capito male io? Non ci hanno rintronato con la necessità di moralizzare il paese dopo anni di ammorbamento “garantista” berlusconiano?

Mettiamo a fuoco. Per la prima volta dal 2001 Berlusconi è minoritario in entrambe le camere ed è possibile votare leggi senza il suo assenso (tacito o esplicito) e senza reclutare i senatori a vita. Per la prima volta da dodici anni! Quindi ci sono le condizioni per eliminare appunto le leggi vergogna.

Sarebbe però da superficiali pensare che ciò possa essere fatto da un giorno all’altro; molte di esse non possono essere abrogate d’un tratto. Un esempio? La legge Gasparri va riscritta, non abolita.

Un caso però c’è: la porzione di legge Cirielli che accorcia i termini della prescrizione. Allineare la normativa sulla prescrizione alle discipline europee è semplice, non serve un governo in carica e lo può fare il parlamento votando una leggina facile facile che scrivo di seguito.

*          *          *

Art. 1.

L’art. 157 c.p. è così sostituito.

La prescrizione estingue il reato:
1) in venti anni, se si tratta di delitto per cui la legge stabilisce la pena della reclusione non inferiore a ventiquattro anni;
2) in quindici anni, se si tratta di delitto per cui la legge stabilisce la pena della reclusione non inferiore a dieci anni;
3) in dieci anni, se si tratta di delitto per cui la legge stabilisce della reclusione inferiore a cinque anni, o la pena della multa.
4) in cinque anni, se si tratta di delitto per cui la legge stabilisce la pena della reclusione inferiore a cinque anni, o la pena della multa;
5) in tre anni, se si tratta di contravvenzione per cui la legge stabilisce la pena dell’arresto;
6) in due anni, se si tratta di contravvenzione per cui la legge stabilisce la pena dell’ammenda.
Per determinare il tempo necessario a prescrivere si ha riguardo al massimo della pena stabilita dalla legge per il reato, consumato o tentato, tenuto conto dell’aumento massimo della pena stabilito per le circostanze aggravanti e della diminuzione minima stabilita per le circostanze attenuanti.
Nel caso di concorso di circostanze aggravanti e di circostanze attenuanti si applicano anche a tale effetto le disposizioni dell’articolo 69.
Quando per il reato la legge stabilisce congiuntamente o alternativamente la pena detentiva e quella pecuniaria, per determinar il tempo necessario a prescrivere si ha riguardo soltanto alla pena detentiva.”

La prescrizione è sempre espressamente rinunciabile dall’imputato.
La prescrizione non estingue i reati per i quali la legge prevede la pena dell’ergastolo, anche come effetto dell’applicazione di circostanze aggravanti.

Art. 2

L’art. 158 c.p. è così sostituito:

Il termine della prescrizione decorre, per il reato consumato, dal giorno della consumazione; per il reato tentato, dal giorno in cui è cessata l’attività del colpevole; per il reato permanente o continuato, dal giorno in cui è cessata la permanenza o la continuazione.
Quando la legge fa dipendere la punibilità del reato dal verificarsi di una condizione, il termine della prescrizione decorre dal giorno in cui la condizione si è verificata. Nondimeno nei reati punibili a querela, istanza o richiesta, il termine della prescrizione decorre dal giorno del commesso reato.

Art. 3

Il secondo comma dell’art. 161 c.p. è soppresso.

Art. 4 – Norma transitoria

I termini della prescrizione, così come computati in base alla presente legge, valgono per tutti i reati, anche se commessi nel periodo di vigenza della precedente normativa e, ferme restando le disposizioni del codice civile relativamente alla prescrizione civile, si applicano anche a tutti i procedimenti penali e civili per cui non sia stata pronunciata sentenza irrevocabile.

In tutti i procedimenti penali per i quali non sia stata pronunziata sentenza irrevocabile, è concessa la riapertura dei termini per l’applicazione delle disposizioni di cui al titolo II libro VI parte II del codice di procedura penale. La parte che intende proporne l’applicazione deve formulare istanza al giudice innanzi a cui si trova il procedimento entro novanta giorni dall’entrata in vigore della presente legge. L’imputato che ottiene l’applicazione della pena su propria richiesta è tenuto a liquidare alle parti civili costituite le spese sostenute per la costituzione e per la partecipazione al procedimento.

*          *          *

Forza, Bersani e Grillo. Dal 15 marzo vi aspetto al varco. Non serve un governo, la fiducia. Mettete in calendario e votate. E se qualcuno vi dice: “Ma è contro Berlusconi!” Voi rispondete: “Sì, certamente! E’ una legge contro Berlusconi!”


Nichi Vendola e Bersani al 53%

novembre 28, 2012

A mio avviso le primarie del centrosinistra hanno segnato prima di tutto il grave errore di Nichi Vendola, che mai e poi mai avrebbe dovuto partecipare.

Innanzitutto va ribadito – ancora una volta – che questa tornata elettorale interna non aveva alcun profilo programmatico, non essendo affatto chiaro quali alternative politiche ed elettorali rappresentavano i candidati. Erano e sono state un gigantesco braccio di ferro fra due frazioni dell’apparato del PD, tanto che, con ripetuti lapsus, Ezio Mauro le ha definite più volte “primarie del PD”.

Quella del partito democratico è diventata una struttura di soli dirigenti e senza una vera base, nella quale, oramai, ogni iscritto ha una carica (di partito, elettiva, di nomina), o un incarico, o una responsabilità; insomma è un capo o un capetto. Questa massa di persone (piccola per essere di iscritti o militanti; enorme per essere di dirigenti) costituisce quella che Floris d’Arcais ha felicemente definito una “nomenclatura diffusa” che interpreta la politica indistintamente come missione e come mestiere, nonché come strumento di carriera all’interno del partito e/o delle istituzioni. Abbiamo visto con le primarie che in essa si sono conglomerate due fazioni in lotta per la supremazia, sia a livello locale che romano; l’avvicinarsi di un presunto successo elettorale su scala nazionale ha moltiplicato gli appetiti ed inasprito la contesa. E così, dietro alle figure di Renzi (il rampante capo dei “giovani”) e di Bersani (il rassicurante tutore dei “vecchi”) si sono misurati muscolarmente due piccoli eserciti di quadri di partito, rinforzati dalle pattuglie di amici, conoscenti e simpatizzanti. Il voto di opinione ha contato ben poco, anche perché, come ho già detto, le differenze politiche e strategiche sono sembrate assai vaghe.

Ed allora: che ci faceva Vendola in tutto questo? Nulla. Non potendo contare su un altrettanto solido apparato di fedeli, e sapendo che il suo elettorato pesa al massimo come il 20% di quello del PD, ha ottenuto il solo risultato di appannare la sua immagine di oppositore a Monti e di antagonista, mescolandosi al partito che, ricordiamolo, sostiene in parlamento l’attuale governo ed il suo orrendo programma recessivo, classista ed elitario.

Chiudo con un banalissimo calcolo. Sottraendo al totale dei voti espressi quelli ottenuti da Vendola, balza agli occhi che, se il segretario di SEL non avesse partecipato, Bersani avrebbe vinto al primo turno con il 53%. E ci saremmo risparmiati questo strazio di ballottaggio (e soprattutto di pre-balottaggio). E allora, caro Nichi, non era meglio lasciar perdere?


Che trionfo?

novembre 26, 2012

Un trionfo della democrazia?

In tutta franchezza non riesco ad entusiasmarmi per la celebrazione delle elezioni primarie del centrosinistra, celebrate da taluni ed irrise da altri.

E’ vero che la grande partecipazione degli elettori è un bel segno di vitalità democratica (e taccia Grillo con le sue sparate), ma la domanda è: per cosa o contro cosa hanno votato quei tre milioni di persone? Per quale prospettiva politica e culturale? Io non l’ho capito.

Ho letto ed ascoltato Bersani, Vendola, Renzi e gli altri due ed ho sentito le consuete parole d’ordine, sempre le stesse da anni. Lavoro, questione morale, scuola ed istruzione, diritti civili, ovviamente declinate con diverse sfumature. Ma alla fin fine si è trattato di una lunga elencazione di slogan. Non ci sono più i ponderosi programmi ulivisti, ma li hanno rimpiazzati con la litania delle parole d’ordine.

In realtà queste primarie sono la versione sinistrorsa della personalizzazione della politica impressa ormai da anni dal prevalere della comunicazione sull’elaborazione contenutistica. E gli elettori hanno votato per sagome di cartone dietro le quali non vi sono idee (e non parliamo di programmi, per carità!) ma solo distinti porzioni di apparato in lotta fra loro per il controllo delle amministrazioni statali e locali.

Bersani ha dalla sua il grosso dell’apparato pd, consolidato soprattutto a livello locale da decenni di governo amministrativo degli enti locali e delle strutture pubbliche e/o parapubbliche collegate. Renzi pilota la massa degli emergenti, vogliosi di farsi largo. Il suo smaccato profilo di arrivista è il miglior ritratto del gruppo di micropotere partitico diffuso che egli guida. Il distacco dei due su Vendola misura la scarsa consistenza della sinistra estrema negli organigrammi di potere.

Purtroppo questa tornata ripropone il vizio originario del partito democratico, ovvero che esso ha scelto i suoi dirigenti prima di nascere, così precludendosi la possibilità di estendere il proprio consenso elettorale al di fuori dei bacini dei due partiti costituenti. La sfida Bersani-Renzi è di fatto un dramma edipico fra il padre ed il figlio ribelle, quando invece sarebbe stato necessario, fin dal 2007, utilizzare il partito per accogliere tutte le componenti che non avevano trovato posto nei vecchi (ed inadeguati, per stessa implicita ammissione dei loro dirigenti), contenitori: ds e margherita.


Uno scatto di dignità

giugno 22, 2012

Non meraviglia che Silvio Berlusconi abbia annunciato di voler mantenere la guida del suo movimento politico che, come tutti comprendono, è tutt’uno con la sua attività economica. Dopo vent’anni di conflitto di interessi permanente, è impossibile immaginare mediaset (e fininvest) come aziende private dotate di vita propria, svincolate dall’impegno politico del loro presidente-proprietario.

E la di lui frase sulla transitorietà del governo Monti (ovvero governo Alfano-Bersani-Casini) altro non è se non la conferma che il compito storico della “sinistra” nell’era berlusconiana è di contribuire al varo di provvedimenti impopolari, se non decisamente di destra, addomesticando la protesta sociale.

E’ stato così per il rigore finanziario di Prodi, con contestuale moderazione sindacale, nei bienni 1996-98 e 2006-08; per le privatizzazioni prodiane (le aziende iri) e dalemiane (Telecom ed Autostrade). Per tacere dell’acquiscenza del centrosinistra alla progressiva precarizzazione del mercato del lavoro. Ed è così oggi, con il taglio degli stipendi e con un innalzamento dell’età pensionabile che fa rimpiangere lo scalone di Maroni (che Prodi abolì frettolosamente).

Ora è il momento della modifica (in peggio) dell’articolo 18 dello statuto dei lavoratori. Un passaggio da tempo inseguito da Berlusconi contro il quale, nel 2003, si mobilitò il paese intero, portando in piazza milioni di persone.

Anche prescindendo da tutto quello che si doveva e poteva fare contro Berlusconi, io mi interrogo. Di fronte all’ennesima dimostrazione di essere considerati come i cani da guardia, come i cani pastori dei lavoratori, dei pensionati, dei dipendenti pubblici, è mai possibile che i dirigenti del pd (giovani e vecchi, donne e uomini, ed ds ed ex dc) non siano capaci di uno scatto di orgoglio? Non siano capaci di dire “adesso basta, queste boiate non le votiamo”?