Tram ed aliscafi

gennaio 31, 2016

2014-quadro-moderno-new-york-under-water

Su Il Piccolo di oggi, 31 gennaio 2016 (qui), leggo che, dal 2007 ad oggi, la Regione Friuli Venezia Giulia ha finanziato (a fondo perduto) la linea di aliscafi che collega Trieste alle coste istriane nel periodo estivo con oltre otto milioni di euro, corrispondenti a 125 euro per ogni passeggero trasportato. Interrogata in consiglio regionale, l’assessora competente ha difeso l’operazione sostenendo, fra l’altro, che «le cittadine istriane collegate sono anche insediamento delle comunità italiane, cui si garantisce la continuità territoriale con un servizio dal valore storico- simbolico molto forte, in qualche modo simile al tram di Opicina, che certo non è un mezzo di trasporto remunerativo».

Quindi, par di capire, la spiegazione sarebbe questa: siccome il Comune di Trieste butta soldi nel gabinetto per tenere in vita un rottame (perché questo è il Tram di Opicina), la Regione è autorizzata a fare altrettanto con un servizio (privato) totalmente antieconomico.

Ora che si avvicinano scadenze elettorali, sarebbe il caso che i cittadini-elettori comincino ad aprire gli occhi. Ed a vedere quanto costa loro l’abnorme dose di retorica che innerva la politica locale.