Coronavirus e denaro contante

marzo 4, 2020

profezia

Ho scritto poco tempo fa, qui e qui, che il denaro contante è uno strumento superato, anacronistico, la cui abolizione avrebbe effetti salvifici sull’economia e sulla società. Ma perfino l’idea di limitarne l’uso trova ostacoli insormontabili, figuriamoci abolirlo, come si dovrebbe. Eppure gli argomenti portati contro la sua eliminazione sono risibili. Le vecchiette che non sanno usare la carta di credito (le vedo molto più in difficoltà con le monete da venti centesimi, dieci, cinque, due, uno), la paghetta ai figli che non si sa come dare (perchè? Non può essere una ricarica?), in ultimo i finlandesi che, usando poco il contante, si indebitano a dismisura perché non si rendono conto di quel che spendono. Sì, vabbé.

Invece dovrebbero essere evidenti a tutti i benefici del passaggio integrale alla moneta elettronica, non solo in ragione del guadagno in fedeltà fiscale, ma soprattutto per la mazzata durissima che si infliggerebbe a ogni forma di criminalità economica (piccola e grande).

Niente da fare: si preferisce far finta di nulla.

Ma ora si affaccia un nuovo elemento: secondo l’Oms le banconote sarebbero un pericoloso veicolo di contagio da coronavirus.

E se questo maledetto Covid 19 ci portasse infine la benedizione dell’abolizione del contante? Il Cigno nero diventerebbe bianco.

Non sarebbe la prima volta che da una sciagura si riesce a trarre qualcosa di salvifico.


Debito pubblico e illegalità

ottobre 27, 2018

 

pillole-droghe-legalizzate-50x70cm-97358

Nei quotidiani di questi giorni dominano due notizie: il conflitto fra Governo italiano e Istituzioni sovranazionali (Commissione europea e Bce) e la tragica morte di una ragazza minorenne nel quartiere di San Lorenzo, all’interno di uno stabile abbandonato e divenuto area di spaccio di stupefacenti. Qualcosa che lega queste due notizie? Apparentemente no, ma in realtà sì.

Come ho scritto qui, lo strumento che ci consentirebbe di uscire dalle problematiche del nostro bilancio cronicamente in passivo, a mio modesto parere, è l’abolizione del denaro contante. La conseguente emersione dell’economia illegale o semi-legale e la possibilità di rendere irrilevante l’evasione fiscale, darebbero allo Stato risorse finanziarie aggiuntive e soprattutto la possibilità di trattare con le istituzioni sovranazionali soluzioni per superare il problema del debito pubblico.

Simultaneamente l’abolizione del denaro contante sarebbe il colpo di grazia per alcune forme di illegalità, quali appunto lo spaccio di strada. Se esistono aree urbane di fatto sottratte alla vita civile dai pusher di droga, lo si deve alla possibilità di acquistare stupefacenti con denaro liquido. Se il contante non esistesse, chi traffica in sostanze illegali dovrebbe trovare attività lecite di copertura: non riesco infatti ad immaginare un pusher con il POS che riceve il pagamento delle dosi a mezzo carta di credito.

Lo stesso avverrebbe per altre attività illecite come la prostituzione di strada o la vendita di beni contraffatti.

Peccato che nessuno abbia il coraggio di sostenere questa prospettiva in maniera adeguata. L’ottimo Cottarelli, che appare continuamente in televisione, e che è stato alto funzionario del Fondo Monetario Internazionale, sembra dimenticare che l’abolizione del contante è fortemente consigliato ai governi dallo stesso Fmi.

E l’Italia, paese dell’illegalità diffusa, madre delle mafie ed afflitta dall’infedeltà fiscale, potrebbe divenire grazie ad essa guida dell’innovazione economica mondiale. E forse non avremmo neppure casi come quelli della povera Desirée.