Campioni dello spreco

febbraio 1, 2016

monete

Il Fatto Quotidiano pubblica la classifica delle regioni italiani per spesa pubblica pro-capite. Tolte le tutelatissime aree alpine (Trentino Alto Adige e Valle d’Aosta) e la regione della Capitale (Lazio), la graduatoria è guidata dal Friuli Venezia Giulia, con una spesa pubblica di 5.203 euro per abitante, doppia rispetto alle virtuose Lombardia (2.265), Emilia Romagna (2.681) e Veneto (2.741).
Ci sarebbe da rallegrarsene, se non fosse che qui da noi vige l’allegra consuetudine di buttare i soldi nel gabinetto, fra doppioni di uffici e sedi regionali, contributi agli amici, recuperi edilizi vuoto a perdere, musei del rottame e della cianfrusaglia, accademie del dialetto, sagre della cipolla, bocciofile onlus ed altre amenità.
C’è da domandarsi quanto si sarebbe potuto fare negli anni con l’enorme massa di risorse buttate nel nulla.

Annunci

Centomila! (residenti o euro?)

gennaio 31, 2016

porto

Nove milioni di euro a carico della collettività per l’urbanizzazione di un sesto del Porto vecchio. E’ notizia de Il Piccolo del 30 gennaio 2016, sintetizzata dicendo che il bilancio del Comune risulterà “rivoluzionato”. Leggasi disastrato.

Intanto l’advisor incassa dal Comune 100mila euro per progettare non si sa bene cosa, visto che gli investitori che dovrebbero immettere capitali nel Porto vecchio neppure si immagina chi possano essere.

Ma, ci dicono, Trieste avrà centomila abitanti in più. E milioni di turisti.

Argomenti simili, ma moltiplicati per mille, a quelli utilizzati per giustificare altri progetti già realizzati o ancora in gestazione: Porto San Rocco a Muggia, il Parco del mare, il Salone degli incanti, il Magazzino vini e il Magazzino 26…

Esempi embrionali di quella che sarà l’avventura del Porto vecchio o errori che questa volta non si ripeteranno?


Tram ed aliscafi

gennaio 31, 2016

2014-quadro-moderno-new-york-under-water

Su Il Piccolo di oggi, 31 gennaio 2016 (qui), leggo che, dal 2007 ad oggi, la Regione Friuli Venezia Giulia ha finanziato (a fondo perduto) la linea di aliscafi che collega Trieste alle coste istriane nel periodo estivo con oltre otto milioni di euro, corrispondenti a 125 euro per ogni passeggero trasportato. Interrogata in consiglio regionale, l’assessora competente ha difeso l’operazione sostenendo, fra l’altro, che «le cittadine istriane collegate sono anche insediamento delle comunità italiane, cui si garantisce la continuità territoriale con un servizio dal valore storico- simbolico molto forte, in qualche modo simile al tram di Opicina, che certo non è un mezzo di trasporto remunerativo».

Quindi, par di capire, la spiegazione sarebbe questa: siccome il Comune di Trieste butta soldi nel gabinetto per tenere in vita un rottame (perché questo è il Tram di Opicina), la Regione è autorizzata a fare altrettanto con un servizio (privato) totalmente antieconomico.

Ora che si avvicinano scadenze elettorali, sarebbe il caso che i cittadini-elettori comincino ad aprire gli occhi. Ed a vedere quanto costa loro l’abnorme dose di retorica che innerva la politica locale.


Sette domande su Trieste

maggio 16, 2015

nicolo-mazzuia-02

– Perché Trieste ha due stadi e due palazzi dello sport?
– Quanto è costato e quanto costa alla collettività mantenere in funzione il Tram di Opicina?
– Quanto è costato alla collettività e quanto costerà ancora il recupero del Magazzino vini?
– Prima doveva essere in Ponterosso, poi sulle Rive. Facciamo basta con l’idea di un parcheggio sottomarino?
– Prima di pensare al Porto vecchio, che ne dite di fare un bilancio costi/benefici dei recuperi architettonici fin qui eseguiti (ospedale militare, Magazzino 26, Magazzino delle idee, sala Tripcovich, ex Pescheria, Magazzino vini, stazione Rogers eccetera)?
– E’ dato sapere come viene impiegato e quanto rende il patrimonio immobiliare del Comune (appartamenti, fori commerciali, impianti sportivi eccetera)?
– Verrà il giorno in cui si penserà di recuperare urbanisticamente porzioni di città diverse dal solito rettangolino attorno a piazza Unità?


Cuneo fiscale e valore aggiunto

settembre 15, 2014

marasenno1

Premetto di economia non mi sono mai occupato ed infatti non ne ho mai scritto. Ma oggi ho letto su Il Piccolo questo articolo http://ilpiccolo.gelocal.it/trieste/cronaca/2014/09/15/news/altri-1-400-finiti-in-strada-senza-fine-la-crisi-di-lavoro-1.9931192 da cui estraggo un passaggio sull’occupazione nella provincia di Trieste: gli occupati sono scesi in cinque anni da 95.782 a 90.971 dei quali 761 in agricoltura, 17.785 nell’industria e ben 72.426 nei servizi.

Detta fuori dai denti, Trieste, che in un tempo non lontano era una città industriale, si è trasformata in un paesone di impiegati e commercianti. Per quanto strano possa sembrare, anche su scala nazionale i rapporti fra le tre categorie di impiego (primario, secondario e terziario) non sono molto diverse. In Italia, infatti, è in corso da oltre trent’anni un lento processo di de-industrializzazione che sposta risorse dall’industria ai servizi, alimentato anche da una propensione sociologica a rifiutare i lavori manuali a favore di quelli intellettuali, creando un contesto nel quale – complice un sistema scolastico e universitario scarsamente formativo e poco selettivo – ognuno si ritiene destinato ad occupare un posto alla scrivania e non in fabbrica o nei campi.

Consultando i dati ISTAT di questo rapporto http://www.istat.it/it/files/2013/07/Fascicolo_CIS_PrimiRisultati_completo.pdf, ho rilevato qualche dato. Dal 2001 al 2011 il numero di addetti nel settore agricolo è calato del 33,9% e nel settore industriale del 17,5%. Nel medesimo periodo si registra un aumento del 15,3% nel commercio e del 20,5% negli altri servizi.

In numeri assoluti, su circa 60 milioni di abitanti, di cui circa 24 milioni attivi e 20 milioni impiegati come lavoratori dipendenti, gli addetti dell’industria (compresi dirigenti, quadri ed impiegati) sono solamente 4 milioni e quelli del settore agricolo 64.000.

In un quadro come questo, ritengo modestamente che si dovrebbe tentare di invertire la tendenza, favorendo gli investimenti e l’occupazione nei settori primario e secondario. Come? Usando la leva fiscale: invece di distribuire 80 euro/mese una tantum a tutti, si dovrebbe concentrare il taglio del cuneo fiscale nei settori produttivi di valore aggiunto, cioè, appunto, agricoltura ed industria.

A tal riguardo, da totale inesperto, azzardo un calcolo di massima, che sarà pure totalmente sballato, ma forse no.

Partiamo da Trieste, presa ad esempio, che conta 90.000 persone attive, di cui 72.000 nel terziario. Di queste, stimiamo in 50.000 quelle beneficiate dal bonus degli 80 euro. Per otto mensilità (questo dice il decreto) fanno in totale 32 milioni di euro che il fisco ha perduto e che si disperderanno in rivoli. Immaginiamo invece di distribuirli ai 18.000 lavoratori dei settori produttivi, ovvero alle aziende dove sono impiegati: fanno circa 1.800 euro per ciascuno. Il che significa, molto ma molto all’incirca, che lasciando all’impresa il corrispettivo, ogni 15 addetti ci sarebbe un risparmio pari al lavoro di uno. Ovvero, in caso di investimento in occupazione, un nuovo assunto ogni quindici dipendenti, e si tratterebbe di occupazione in settori che creano ricchezza. Alternativamente, sarebbe un abbattimento dei costi di produzione con conseguente guadagno in competitività sui mercati.

Tentando di generalizzare il calcolo all’intero paese, valutiamo in 3,5 milioni gli addetti dei settori primari e secondari (operai e lavoratori agricoli) cui applicare un taglio del cuneo fiscale pari a 1.800 euro annui. Ne conseguirebbe un minore introito per l’erario di 6,3 miliardi di euro. Ed infatti il bonus Renzi (80 euro mensili a circa 10 milioni di lavoratori dipendenti per otto mensilità) costerà 6,5 miliardi di euro. In altre parole, con la stessa somma del bonus Renzi si potrebbe tagliare di circa 1.800 euro all’anno il cuneo fiscale sul lavoro produttivo di valore aggiunto, con immediato effetto sulla competitività dei prodotti dell’industria e dell’agricoltura nazionale.

So bene che è il calcolo di uno che non ne sa nulla ed è probabilmente una fesseria. Ma forse no.