Ma cos’è questa crisi.

agosto 10, 2019

 

crisi

Hanno ragione i commentatori della stampa nazionale nel descrivere la tristezza e la pochezza dei protagonisti della maggioranza e la desolazione culutrale che emerge dalla crisi di governo in corso. Espressione – crisi di governo – fin troppo nobile per essere riferita a tali nullità. Ma c’è una cosa ancor più triste e misera: la sterminata vacuità delle proposte politiche alternative che dovrebbero provenire dai partiti attualmente all’opposizione. Pd, Forza Italia, Sinistra Italiana, e chi altri forse dovrebbe esistere, nulla hanno da dire di significativo. E infatti blaterano a vuoto.  Ma il peggio viene proprio dagli organi di informazione, dagli editorialisti, dai maîtres à penser nostrani che partecipano allo sceneggiato senza nulla aggiungere di originale. In questo immenso nulla, cui assisto immoto dal giorno delle ultime elezioni, non posso far altro che riproporre le dieci riforme che io farei, e che ho già elencato qui, illustrandole brevemente in post successivi:

1. Abolizione del denaro contante.
La tracciabilità di ogni pagamento, unita all’attivazione di efficaci e ragionevoli strumenti giurisdizionali (primo fra tutti una buona legge sul falso in bilancio), costituisce lo strumento in grado di avviare la definitiva sconfitta delle mafie, primaria e principale zavorra dell’economia nazionale. Non solo. La sua introduzione segnerebbe la fine delle nostre piaghe endemiche: racket, evasione fiscale, lavoro nero, economia sommersa, etc. Con benefici enormi per le finanze pubbliche.
2. Abbattimento del cuneo fiscale nei settori primario e secondario.
La riduzione generalizzata delle tasse, al momento, è improponibile. Va operata una detassazione mirata ai settori che producono valore aggiunto: agricoltura e soprattutto industria. Il lavoro manifatturiero va cioè drasticamente defiscalizzato, onde fermare il fenomeno della delocalizzazione, favorire il rimpatrio delle produzioni ed incentivare nuovi investimenti nel settore produttivo.
3. Scuola e Università: abolizione di tutte le riforme degli ultimi 30 anni.
Da Luigi Berlinguer (compreso) in poi è stata una corsa a chi faceva peggio. Abolire tutte le riforme fatte è una provocazione, ma è fuor di dubbio che il sistema di trenta anni fa era migliore.
4. Raddoppio (almeno) del numero dei magistrati.
Con contestuale riduzione del loro (ingiustificatamente alto) reddito e periodo formativo presso la Polizia Giudiziaria. Vanno poi accorpati i tribunali, in modo da portare ad almeno 500.000 il numero di cittadini di ogni circoscrizione.
5. Riscrittura del codice di procedura penale.
Riscrittura totale, con ritorno al sistema inquisitorio (in luogo di quello accusatorio), in coerenza con la nostra tradizione e con l’ordinamento degli altri paesi dell’Europa continentale.
6. Riduzione delle competenze regionali ed abbattimento dei costi relativi.
La sburocratizzazione deve partire dalle Regioni, autentiche fonti di inutili complessità amministrative, nonché centri di rovinosa spesa pubblica improduttiva e clientelare (soprattutto quelle a statuto speciale).
7. Abolizione del rogito notarile.
Il costosissimo rito medievale del rogito notarile per l’acquisto di un immobile è talmente anacronistico da indurre alla rivolta. Ora che anagrafe e catasto sono totalmente digitalizzati, una compravendita immobiliare si perfeziona con pochi clic al computer. Sostituendo il passaggio dal notaio con atto amministrativo, si liberano risorse per i consumi.
8. Imu prima casa.
Va reintrodotta la tassa sulla prima casa (ICI o IMU) ovviamente con franchigia (cioè azzerandola per gli immobili di modesto valore). L’IMU sulle case successive alla prima deve essere progressiva.
9. Legge elettorale proporzionale con sbarramento al 5%.
Dopo decenni di convulsioni, la conclusione è una sola: l’Italia è paese ideologicamente e territorialmente sperequato; quindi serve una legge proporzionale pura con sbarramento al 5%. E con reintroduzione di congruo numero di firme di presentazione per tutti. Almeno 100.000 su scala nazionale. Ripeto: per tutti i partiti, nessuno escluso.
10. Incompatibilità parlamentare-ministro.
Le cariche di parlamentare e di ministro devono essere rese incompatibili con norma costituzionale. I parlamentari vengono eletti dal corpo elettorale per stare in Parlamento. A capo dei ministeri devono andare soggetti competenti dediti unicamente al funzionamento della macchina statale. Non è solo questione filosofica di separazione dei poteri, ma elementare e fondamentale strumento di efficienza amministrativa.

* * *

Non aggiungo altro se non una breve considerazione sull’ultimo punto. È scoppiato l’allarme per la posizione del Ministro dell’Interno che assommerebbe al momento più ruoli: Vicepresidente del Consiglio promotore della crisi, leader del principale partito o coalizione alle prossime elezioni, “candidato premier” e gestore della procedura elettorale. Scandalo fra i pensosi elzeviristi dei quotidiani e fra gli insigni costituzionalisti che popolano le tribune tv. Avranno anche ragione, ma questo accumulo non si sarebbe verificato se si fosse pensato all’unica modifica costituzionale che andava fatta alla carta del 1948, ovvero all’introduzione dell’incompatibilità fra ministro e candidato/parlamentare. Come è in Francia, dove le costituzioni le hanno inventate. Semplice no? Eppure nessuno ci aveva pensato.

Buonanotte.

 

Annunci

Giustizia e giornalismo

novembre 21, 2018

fantasia-in-giallo-44492

Mi è capitato di assistere a qualche dibattito televisivo sui problemi della Giustizia, e sono arrivato ad una conclusione: parlare di Giustizia in Italia è ancor più difficile che riformarla. Il guaio è che ad intervenire sull’argomento sono sostanzialmente tre categorie: magistrati, avvocati, giornalisti.

Il problema di magistrati ed avvocati è che essi sono talmente immersi nei problemi da aver perso il senso stesso delle cose. Li sento parlare ed è evidente come la loro prospettiva sia irrimediabilmente deviata dalla quotidianità, dal loro essere parte stessa del sistema e del problema. In aggiunta a ciò, magistrati ed avvocati sono funzionalmente collocati su fronti opposti, per cui chiedere a loro di trovare soluzioni ai mali della giustizia è come chiedere a due eserciti in guerra di trovare la formula per la pace. Direbbero di non fare la guerra, ma in questo caso è come dire non fare i processi, e scadremmo nel non-senso.

Restano i giornalisti, che dovrebbero essere spettatori neutrali e quindi portatori, in astratto, di una visione neutra e più oggettiva. E invece il problema è ancor più grosso. Infatti i giornalisti parlano di giustizia basandosi sui procedimenti che essi stessi seguono professionalmente, che sono affatto diversi dalla stragrande maggioranza di quelli che si celebrano nelle aule. In Italia infatti esistono, nella realtà, due procedure diverse: una per i processi che interessano l’opinione pubblica e finiscono nel cono di interesse dei mezzi di informazione; una seconda per tutti gli altri. I primi costituiscono una frazione minima del totale; i secondi sono la quasi totalità. Purtroppo i giornalisti si basano solo sulla prima categoria, e ne traggono una visione della giustizia del tutto distorta. Infatti in essi tutti i soggetti operano o tentano di operare al meglio, nel rispetto formale e sostanziale della legge, in visione di telecamera e di taccuino. In tutti gli altri no, non è così, bisogna fare in fretta e chiudere la pratica.

È un po’ quel che accade in meccanica quantistica con il principio di indeterminazione di Heisenberg: osservando un sistema quantistico lo si modifica, ed è quindi impossibile conoscerne lo stato prima dell’osservazione.

Per esemplificare, nel quasi grottesco conflitto mediatico fra “giustizialisti” e “garantisti”, assistiamo ad una duplice rappresentazione del Pubblico Ministero: per i primi è un solerte funzionario tenacemente votato al disvelamento della verità ed alla punizione dei colpevoli; per i secondi è un bieco individuo che perseguita i cittadini che hanno la sventura di finire nel suo cono di interesse. Ma nella realtà? Nella realtà della stragrande maggioranza dei procedimenti, il PM è un magistrato oberato da ottocento-mille fascicoli di indagine; e preoccupato di una sola cosa: smaltirli il più celermente ed economicamente possibile. Nelle riprese televisive dei dibattimenti, il Pubblico Ministero partecipa alle udienze dei processi di cui è titolare e sostiene scrupolosamente l’accusa. Accorto ed occhiuto, fa del proprio meglio per valorizzare le prove a carico dell’imputato. Nella realtà, il Pubblico Ministero d’udienza è un soggetto, delegato dal PM titolare, che molto spesso vede il fascicolo per la prima volta il giorno stesso o la sera prima, ed ha del suo contenuto un’idea più o meno approssimativa.

Taccio sulla partecipazione al dibattito da parte dei politici, i quali si interessano di Giustizia solamente quando ne sono coinvolti in veste di imputati. Vogliamo far decidere a loro, agli imputati, come riformarla?

Finché il dibattito pubblico avverrà con questi sistemi, non ne uscirà nessuna riforma decente, ed infatti tutte le leggi prodotte negli ultimi anni in tale materia hanno peggiorato le cose.

Una cosa giusta però l’ho sentita anche in televisione, e l’ha detta Milena Gabanelli: “in tema di malfunzionamento della Giustizia, non ci si rende conto della gravità del problema.” Vero: non vi è consapevolezza, nel dibattito pubblico, della gravità delle ricadute morali, economiche, sociali di una giurisdizione inefficace. Perché infine, come diceva Sciascia, “tutto è legato al problema della giustizia: in cui si involge quello della libertà, della dignità umana, del rispetto tra uomo e uomo”.


Memoria e fascismo

novembre 5, 2018

memoria2

Chi cerca una prova del fatto che le giornate della memoria e del ricordo non servono a nulla, la trova nelle chiacchiere di questi giorni sul rinato fascismo che ci affliggerebbe. Chi utilizza la categoria del fascismo per classificare, in qualsiasi senso, l’attuale fase politica, dimostra una sola cosa: di non sapere cosa è stato il fascismo. Dire che la Lega o il Movimento cinque stelle sono movimenti fascisti, o venati di fascismo, è il miglior modo per dimostrare la propria ignoranza della storia.

Già mi immagino i futuri giorni della memoria, o il 25 aprile prossimo venturo, dedicati da tanti (troppi) al tentativo esporre analogie, trovare similitudini, per trarre conclusioni sulla necessità di un nuovo antifascismo.

Se fosse solo tempo sprecato non ci sarebbe nulla di cui disperarsi. Ma non è così, perché questo uso distorto della memoria ne offusca l’uso corretto, che, per quel che riguarda l’attualità, non deve affatto risalire fino al Ventennio, ma fermarsi molto prima. Se è giusto, come è giusto, fare esercizio di memoria storica per fatti di oltre ottanta anni fa, è altrettanto giusto, se non doveroso, farlo per fatti di venti o trenta anni fa. Perché l’attuale assetto politico non è figlio del fascismo, ma dell’era berlusconiana che corre dal 1994 al 2018, e che viene erroneamente etichettata come “prima repubblica”.

Matteo Salvini e Luigi di Maio, così come il loro degno predecessore Matteo Renzi, non sono diventati adulti nelle trincee della Grande Guerra, come coloro che costituirono la massa elettorale che portò Mussolini al potere, ma sono stati cresciuti dai cartoni animati di Candy Candy e di Holly e Benji, ovvero da altri programmi come La Ruota della Fortuna. Come possiamo anche solo avvicinarli ai protagonisti di un’epoca popolata di reduci, di invalidi, di ex militari traumatizzati dai massacri del ‘15-‘18?

Per capire l’oggi, la memoria va fermata al più prossimo periodo 1994-2011, nel quale le istituzioni repubblicane finirono in ostaggio di colui che era il monopolista dell’informazione televisiva. Se la Lega odierna è erede del partito che ne fu alleato, il M5S ha costruito la propria fortuna elettorale sull’ambigua alleanza di fatto fra il Partito democratico e Forza Italia. Quindi dobbiamo concentrare la nostra attenzione su quegli anni.

In soccorso della nostra memoria giunge in libreria il volume “Il patto sporco”, di Nino di Matteo e Saverio Lodato, che sintetizza il contenuto della sentenza del “processo Trattativa” che ha visto condannati l’ex senatore Marcello Dell’Utri, tre alti ufficiali dei Carabinieri ed alcuni boss mafiosi per il reato di minaccia a corpo politico.

Alle pagine 136-137 si legge: Vittorio Mangano (lo “stalliere” di Berlusconi ad Arcore, nel 1994 reggente dello storico mandamento mafioso di Porta Nuova a Palermo), su incarico di Brusca e Bagarella contattò Dell’Utri, ricevendo da questi assicurazioni che si sarebbe adoperato per ottenere modifiche legislative nell’interesse dell’associazione mafiosa… Il fatto che Berlusconi fosse sempre stato messo a conoscenza di tali rapporti è incontestabilmente dimostrato dall’ esborso da parte delle società facenti capo a Berlusconi di ingenti somme di denaro… tali pagamenti [a Cosa nostra] sono proseguiti anche dopo che Berlusconi aveva assunto l’incarico di Presidente del Consiglio; almeno fino al dicembre 1994, quando a Giusto Di Natale (mafioso palermitano del mandamento della Noce) fu fatto annotare un versamento di duecentocinquanta milioni nel “libro mastro” che in quel momento egli gestiva (1).   

Domando: dobbiamo indagare sulle presunte analogie fra i nostri leader attuali e Mussolini, o forse interrogarci sull’avere avuto in tempi recenti un Capo del Governo, tuttora leader di un partito politico presente in Parlamento, che versava centinaia di milioni di Lire a Cosa nostra, la più pericolosa associazione criminale d’Europa di quegli anni? Quale peso ha sul presente questo agghiacciante recente passato? Possibile che di tutto ciò nessuno abbia il coraggio di parlare?

Chiunque rimuova tali interrogativi, preferendo parlare di un presunto riemergente Ventennio, fa un torto alla verità ed è complice (involontario o no) di chi, di quel passato inconfessabile, vuole cancellare ogni traccia.

——————————————————————————————————————————————

(1) Se tali affermazioni fossero appena meno che certe, il volume da cui sono tratte sarebbe già stato sequestrato ed il magistrato Di Matteo sottoposto a processo penale e disciplinare.

 

 


Vittime e prescrizione

novembre 2, 2018

griglia-nera-1922

E si ritorna a parlare di prescrizione.

Da una parte vi è chi vuole l’interruzione del suo decorso con la sentenza di primo grado, al fine di evitare che essa vanifichi l’attività investigativa e processuale, garantendo l’impunità ai colpevoli. Dall’altra si sostiene che in tal modo i processi dureranno ancora più a lungo, con esagerata afflizione degli imputati, e che è insensato punire i colpevoli a eccessiva distanza dalla commissione del fatto.

Tralascio questi aspetti, lasciando che ognuno si faccia la propria idea in base alla montagna di argomenti portati a sostegno di una o dell’altra tesi, e mi pongo dalla parte della persona offesa dal reato. La prescrizione estingue il reato, e quindi anche le sue conseguenze, fra cui il diritto al risarcimento da parte del danneggiato. Quindi non mi pare corretto sostenere che la prescrizione penale risponde al venir meno dell’interesse pubblico a punire un colpevole ad eccessiva distanza dai fatti. La prescrizione ha un effetto diretto anche sulle vittime. Le quali, si sostiene, hanno tuttavia la possibilità di chiedere il risarcimento in sede civile, a prescindere dallo svolgimento del processo penale. Tale argomento costituisce uno sviamento della realtà, perché, salvo rari casi, la persona offesa che procede contro il reo prima che questi venga condannato in sede penale si espone a gravi rischi processuali, ovvero perdere la causa e vedersi condannata a pagare ingenti spese legali (per tacere di conseguenze ancor peggiori quali un’accusa di calunnia). Il fatto è che difficilmente la parte lesa dispone di prove sufficienti a convincere il giudice della colpevolezza del reo; prove che, in genere, emergono solamente da indagini di Polizia giudiziaria. Per tali ragioni, la vittima ha il diritto a veder riconosciute le responsabilità del colpevole in sede penale, ed è bene che a ciò si attenga.

Il problema resta l’eccessiva, intollerabile, durata dei processi, che può essere risolto solamente con l’aumento del numero di magistrati e con l’accorpamento dei tribunali, in modo da renderli più efficienti. Attualmente i magistrati in servizio sono circa novemila, un numero esiguo, se si pensa che su di essi grava uno spettro enorme di attività, che va dalle inchieste sul terrorismo internazionale alle cause di divorzio. Va anche ricordato che un gran numero di reati denunciati (si dice il 70-80%) cade prescritto in fase di indagine preliminare, e perciò è anche necessario aumentare la durata della prescrizione, ponendo rimedio ai nefasti effetti della legge ex Cirielli.

In attesa che l’adeguamento del numero dei magistrati in servizio porti ad una consistente riduzione dei tempi processuali, mi permetto di formulare una proposta. Il decorso della prescrizione durante indagine e processo potrebbe riguardare solo la pena, ma non il reato e le conseguenze accessorie. In altre parole, se al momento della sentenza è trascorso un tempo eccessivamente lungo rispetto alla gravità del reato, la pena viene dichiarata estinta, ma viene comunque pronunciata condanna, e restano fermi gli obblighi risarcitori nei confronti delle persone offese, nonché le eventuali pene accessorie, quali, ad esempio, le interdizioni da determinate funzioni pubbliche.

In tal modo, per fare un esempio, il responsabile di un crack finanziario, qualora condannato a distanza di oltre quindici anni dal fatto, eviterebbe di scontare la pena in carcere, ma sarebbe comunque obbligato a risarcire chi ha perso i propri risparmi a causa sua, e verrebbe comunque interdetto dalla possibilità di dirigere aziende o gestire risparmi. Il sindaco condannato per corruzione a distanza di venti anni dal fatto non subirebbe alcuna detenzione, ma verrebbe interdetto dai pubblici uffici, e la sentenza renderebbe nota con certezza giudiziale la sua condotta fraudolenta.

Personalmente penso due cose: l’accertamento della verità in caso di gravi violazioni di legge è doveroso, ma il carcere, la detenzione, i gabbioni, non hanno mai risolto nulla. Non è con la repressione che si migliorano le cose, non è mai stato così. Ma neppure è tollerabile il senso di impunità che pervade il nostro vivere collettivo.

 

 


Riti e vittime

ottobre 30, 2018

stupro

Concludo la serie di post sulla comparazione fra rito accusatorio ed inquisitorio accennando al complesso tema della posizione della persona offesa dal reato.

La funzione del processo penale è repressiva; è di punire il colpevole di un reato, ma in tempi recenti ha assunto funzioni ulteriori.

Una è quella di verità, ovvero quella di portare alla luce e di far conoscere all’opinione pubblica fatti che, senza indagini condotte con gli strumenti della polizia giudiziaria, rimarrebbero sconosciute o quantomeno avvolte da nubi di incertezza. Gli abitanti di una città il cui sindaco è sospettato di corruzione, hanno diritto di sapere se il loro primo cittadino è stato infedele oppure no. Chi vive in prossimità di un’industria inquinante ha diritto di sapere chi sono i responsabili delle proprie malattie. La collettività ha diritto di sapere se chi gestisce i propri risparmi lo fa correttamente o in modo fraudolento. La risposta a queste domande, a prescindere dalla punizione del reo, può venire solo da indagini della magistratura.

Strettamente connessa è l’esigenza di garantire alle persone offese, cioè alle vittime dei reati, un adeguato risarcimento, individuando sia il responsabile che le precise responsabilità, anche in questo caso senza correlazione con la pena da infliggere.

Per tali ragioni mi parrebbe più sensato affidare l’esercizio dell’azione penale ad un soggetto con funzioni cognitive ed attribuzioni ad ampio spettro, quale sarebbe un giudice, e non ad un organo meramente accusatorio come il Pubblico Ministero.

Chi è vittima di reato, in astratto, può procedere contro il responsabile in sede civile, a prescindere dall’azione penale esercitata dalla Procura. Tuttavia, salvo casi particolari, si tratta di una percorso pericoloso, poiché raramente la vittima possiede prove certe del fatto e dell’identità del reo, per cui la causa civile risarcitoria rischia di ritorcesti contro la vittima stessa. La via migliore è attendere l’esito del procedimento penale e, avendo in mano la sentenza di condanna del reo, chiedere la quantificazione del risarcimento in sede civile.

Anche qui emerge il problema del ruolo del Pubblico Ministero, che non ha alcun obbligo nei confronti delle vittime, le quali, a loro volta, nel corso delle indagini e del processo, non hanno praticamente alcun potere di intervento. Ben migliore sarebbe un sistema che attribuisce al Giudice Istruttore, nel corso dell’attività istruttoria, anche la funzione di tutelare la persona offesa, ovvero di raccogliere quegli elementi utili a delineare il danno e a prendere i provvedimenti necessari a tutelarne la posizione.

Che il codice in vigore abbia una considerazione quasi nulla dei diritti della persona offesa emerge peraltro da molti aspetti. Faccio l’esempio del termine di soli dieci giorni entro il quale il difensore della parte lesa può proporre opposizione alla richiesta di archiviazione del PM. Dieci giorni nei quali chiedere ed ottenere copia del fascicolo, studiarlo, e formulare motivate richieste di prosecuzione delle indagini. Molto critica è la posizione della vittima in caso di patteggiamento, rito che si conclude con una sentenza che “applica una pena” ma non costituisce una autentica condanna, ovvero non “certifica” la responsabilità del reo. Quindi non costituisce elemento sufficiente a richiedere la riparazione del danno con certezza di esito positivo. In altre parole, chi patteggia, oltre ad ottenere lo sconto di pena, si sottrae anche all’obbligo di risarcire la vittima (recentemente la Cassazione ha modificato l’orientamento in materia, ma sarà il tempo a dire se in maniera significativa). Taccio sul gravissimo fenomeno della prescrizione, che estingue il reato e con esso anche il diritto del danneggiato al risarcimento. In sostanza può ben dirsi che la persona offesa non trova adeguata tutela nel processo penale, che spesso si traduce per essa in un lungo calvario, costoso, umiliante, che in esito non soddisfa neppure il diritto al risarcimento. Diritto che peraltro non è costituzionalmente tutelato, contrariamente ai diritti di difesa frettolosamente inseriti nell’art. 111 della Carta nel 1999.

A tale proposito non posso tacere l’argomento che Piercamillo Davigo utilizza per criticare la pretesa terzietà del Giudice nel processo penale. Il Giudice, afferma Davigo, deve stare dalla parte della vittima, ma se assume una posizione neutra fra il ladro e il derubato, si è già messo dalla parte del ladro. I concetti di terzietà del giudice e di parità fra accusa e difesa meriterebbero una discussione a parte, che qui ometto. Ma è chiaro che accusa e difesa, nel processo penale, hanno funzioni radicalmente diverse, e quindi la loro parità non può essere intesa come quella fra marito e moglie in una causa di divorzio, ma come condizione di pari dignità, non certo di parità di mezzi.

In estrema sintesi conclusiva, un’indagine è procedimento complesso, che richiede attenzione a molteplici aspetti: segretezza, tutela delle vittime, garanzie per gli indagati, interesse pubblico e della pubblica opinione. Affidarla ad un organo meramente accusatorio è scelta sbrigativa, tipica appunto della pessima giustizia statunitense.

 


Idagato da chi? PM o GI?

ottobre 29, 2018

indagato

Immaginate di essere sottoposti a indagine. Vi chiedo: da chi vorreste che fosse condotta l’inchiesta? Da un giudice con obblighi di imparzialità, o dal Pubblico Ministero che, nell’eventualità di un processo, sarà la vostra controparte, con la funzione di chiedere la condanna?

Posta così, la domanda sembra avere una risposta ovvia. Il Pubblico Ministero, che ha funzione accusatoria ed il cui lavoro è valutato in base al numero di condanne che ottiene, è naturalmente portato a cercare le prove a carico dell’indagato, non certo quelle a suo discarico. Sembrerebbe preferibile essere indagati da un giudice con obbligo di terzietà, la cui indagine abbia funzioni cognitive, e non accusatorie.

Eppure in Italia abbiamo adottato un sistema che affida le indagini al Pubblico Ministero, giudicandolo più garantista del precedente, nel quale le indagini erano condotte dal Giudice Istruttore.

I motivi di tale modifica non li conosco, ma penso che fossero sostanzialmente due: il vecchio codice di procedura lasciava troppo spazio al Giudice Istruttore, che in taluni casi poteva addirittura assumere la veste di giudice di merito; in secondo luogo il processo in aula era una mera replica dell’istruttoria, nel quale la difesa, in pratica, non aveva margini di azione. In sostanza: se il Giudice Istruttore era convinto della colpevolezza dell’indagato, questi non aveva scampo. La necessità di meglio garantire i diritti di difesa ci ha condotto al sistema attuale, nel quale il Pubblico Ministero conduce le indagini e, successivamente, a processo, sostiene l’accusa, in contraddittorio con la difesa, innanzi ad un giudice “terzo”.

La domanda è: abbiamo creato un sistema migliore? Più garantista e più efficiente?

Se nel rito inquisitorio il problema era il processo, adesso il problema è l’indagine. L’avvocatura ora lamenta l’eccessivo potere del PM nel corso delle inchieste e la soggezione dei Tribunali davanti alle Procure. L’insistita richiesta di separare le carriere di giudici e PM è dovuta a questa presunta condizione psicologica.

In effetti la diversa impostazione procedurale ha comportato una serie di problemi, di cui ora elenco una parte, senza alcuna pretesa di generalità.

È indubbio che il Pubblico Ministero ha enormi poteri nel corso delle indagini, con il rischio che, abusandone, possa assumere un ruolo debordante rispetto alle sue funzioni istituzionali. Inoltre egli ha la facoltà di selezionare, fra centinaia di fascicoli, quelli di suo interesse, sui quali concentrare la propria azione. Approfittando dell’attuale disciplina della prescrizione, può fare in modo che i procedimenti che, per un motivo o per un altro non gli interessano, vadano in prescrizione. E le statistiche dicono che un numero enorme di procedimenti cadono prescritti durante le indagini preliminari.

L’avviso di garanzia, e la non segretezza dell’indagine, danneggiano l’indagato più di quanto non lo tutelino.

Le intercettazioni telefoniche ed ambientali. Essendo esse raccolte dall’accusa, non si può accettare che sia il PM stesso a selezionare quelle utilizzabili e quelle non utilizzabili. Quindi le difese sono costrette a volere la desecretazione di tutto il materiale intercettato, con la conseguenza che la pubblicazione sui giornali delle parti irrilevanti rischiano di danneggiare gli indagati (e non solo loro!) più di quanto non facciano il processo e l’eventuale condanna.

Nel caso in cui il PM non riscontri i termini per procedere, non può archiviare autonomamente il fascicolo, ma deve chiedere che lo faccia il GIP. Il quale ha facoltà di imporre al PM di proseguire l’indagine ovvero di formulare l’imputazione contro la sua stessa volontà. Mi domando che sistema è quello in cui il PM è obbligato ad accusare una persona che ritiene innocente.

Avendo assunto l’indagine preliminare una funzione istruttoria vera e propria, il legislatore ha introdotto le indagini difensive, con la pretesa che abbiano lo stesso valore di quelle della Polizia Giudiziaria. Nei fatti esse sono uno strumento a disposizione dei pochi che possono permettersele in termini economici, e sono tenute in scarsa considerazione dai Tribunali, ai quali non si può certo chiedere di porre sullo stesso piano privati cittadini come gli avvocati ed ufficiali di Polizia.

Mi fermo, ma mi sento di dire che, forse, sarebbe stato preferibile adottare un codice di procedura sì diverso dal precedente, ma pur sempre ispirato al sistema inquisitorio. Lasciando al giudice istruttore la funzione inquirente, a soli fini cognitivi, e al PM, ferme restando le facoltà di integrazione investigativa, la funzione requirente. La vera modifica da introdurre sarebbe stata la separazione fra fase inquirente e fase di giudizio, stabilendo l’uscita definitiva del Giudice Istruttore dal procedimento, una volta chiusa l’istruttoria.

So bene di non avere alcun titolo per sostenerlo, ma risalgo al parere di quello che è stato uno dei più grandi giuristi del secolo scorso: Giovanni Leone. Dopo le dimissioni da Presidente della Repubblica (ingiustamente forzate da una campagna di stampa denigratoria ed infondata), in qualità di senatore a vita fece parte della Commissione Giustizia del Senato, partecipando ai lavori per la riforma del codice del 1989. Alla quale fu sempre tenacemente contrario, ritenendo il rito accusatorio estraneo alla cultura giuridica italiana. Chissà, forse aveva ragione lui.


L’illogicità del rito abbreviato

ottobre 28, 2018

halloween4

Il rito abbreviato si celebra su richiesta dell’imputato, il quale con esso accetta come prove gli atti dell’indagine preliminare, rinunciando al dibattimento, ed in cambio, in caso di condanna, ottiene l’automatico sconto di un terzo della pena. Il processo si celebra davanti al Giudice per l’udienza preliminare, ed il vantaggio per l’amministrazione della Giustizia è l’accorciamento dei tempi del giudizio. Minori garanzie processuali e tempi più rapidi in cambio di uno sconto di pena. La ratio dell’istituto è questa.

Una domanda però sorge spontanea: che accade quando gli indagati per il medesimo reato, realizzato in concorso, sono due (o più) e solo uno di essi opta per l’abbreviato? Essendo un diritto della difesa, non può negarsi al richiedente la celebrazione del rito alternativo, ma non lo si può imporre all’altro, negandogli l’altrettanto riconosciuto diritto al contraddittorio. Quindi la conseguenza è obbligata: si celebrano due processi: uno davanti al GUP, con il rito abbreviato, l’altro davanti al Giudice di merito, con rito ordinario. In tal modo il rito cosiddetto abbreviato finisce per non abbreviare un bel nulla; anzi, dovremmo parlare di rito raddoppiato. Tempi doppi, doppie spese di giudizio, doppio lavoro per magistrati e per cancellerie. Ma soprattutto, ed è questo l’aspetto a mio parere più critico, si celebrano due processi diversi per lo stesso fatto! Due processi davanti a giudici diversi, e con prove diverse. Perché in quello abbreviato le prove sono gli atti dell’indagine preliminare, mentre nell’altro le prove si producono nel corso del dibattimento.

In alcun caso un architetto fa due progetti per la stessa casa, o un docente due programmi per lo stesso corso. Ma in Italia capita che si facciano due processi per lo stesso fatto.

Nella notte di Halloween del 2007 una studentessa inglese (M.K.) venne uccisa nel suo appartamento di Perugia. Dopo frenetiche (ed un po’ confuse) indagini morbosamente seguite dagli organi di informazione, gravati da indizi pesantissimi, vennero arrestati tre giovani, accusati di aver commesso l’omicidio in concorso fra loro: R.G., A.K. e R.S. Il primo di essi chiese di essere processato con rito abbreviato e venne condannato dal GUP a trenta anni di reclusione, poi ridotti a sedici in appello. Gli altri due optarono per il rito ordinario innanzi alla Corte d’Assise di Perugia e, dopo una serie di riforme ed annullamenti, vennero assolti per non aver commesso il fatto dalla Corte d’Assise di Firenze. Ora costoro possono proclamarsi perseguitati dalla Giustizia, mentre R.G. sconta la pena per aver commesso il delitto in concorso con essi (sentenza di primo grado) ovvero in concorso con ignoti (sentenza d’appello).

Si potrebbe pensare che questo è un caso limite, una rarità, ma non è così. Lo spacchettamento dei processi in più di uno, in ragione del rito scelto dagli indagati è frequentissimo, e lascio immaginare il caos che si genera nei procedimenti per fatti complessi (reati ambientali, crack finanziari) con decine di imputati e decine di capi di imputazione, nei quali ciascun indagato può scegliere per ciascun reato con quale rito essere processato.

Bene: io non sono nessuno per dirlo, la mia opinione vale nulla in confronto a quella degli insigni giuristi che hanno scritto il codice di procedura penale e le successive modifiche. Ma ad essi chiedo: come si fa a tollerare ed a difendere un sistema del genere? Non si tratta di “garantismo” o di “giustizialismo”, ma di semplice e mera logica. Come può un sistema giurisdizionale prevedere due procedimenti distinti (e ripeto: con prove differenti!) per lo stesso fatto?

Non mi dilungo neppure sulle altre anomalie del rito abbreviato (che pure esistono), perché questa è talmente macroscopica da esser sufficiente ad affermare che tale forma processuale va semplicemente abolita. Punto e basta.