Elezioni e memoria

 

memoria

Nel lessico corrente la parola Memoria viene utilizzata in riferimento ai fatti del secolo scorso. Ma, leggendo le analisi sulle elezioni amministrative del giugno 2016, viene spontaneo invocarla per gli eventi di questo secolo, che pesano sulle nostre vite e che politica e giornalismo paiono aver rimosso.

Politicamente parlando, il ventunesimo secolo italiano si è aperto con le elezioni del 2001, che videro il centrodestra al completo (Forza Italia, lega Nord ed Alleanza nazionale) sbaragliare un centrosinistra indebolito dalle liti interne e dalla rottura con Rifondazione comunista. Nella legislatura che seguì il centrodestra, forte di una maggioranza parlamentare amplissima, produsse importanti interventi legislativi, fra i quali voglio ricordare:
– la legislazione sulla precarizzazione del lavoro;
– l’impostazione aziendalista della della Scuola voluta da Letizia Moratti;
– gli innumerevoli interventi in materia di giustizia penale, passati alla storia come “leggi vergogna”;
– la legge Gasparri sul riordino pro-Mediaset del sistema televisivo;
– la riforma costituzionale imposta dalla Lega nord e definita “devolution”.

Furono altresì gli anni dello spoil system, del dilagare dei talk show televisivi e dell’affermarsi della politica come propaganda permanente, con il ricorso al metodo degli annunci, alla denigrazione degli avversari, alla sistematica mistificazione della realtà.

Gli elettori di centrosinistra vissero quel lustro come un lungo incubo dal quale desideravano risvegliarsi al più presto. Non vedevano l’ora di ribaltare il risultato elettorale per invertire la tendenza: recuperare la dignità del lavoro con la difesa del tempo indeterminato, salvaguardare il tanto di buono che vi era nella scuola pubblica, restituire serenità al dibattito politico, liberare la TV di Stato dal controllo del monopolista privato, scongiurare la deformazione della costituzione e – soprattutto – cancellare le leggi criminogene volute (apparentemente) per salvaguardare il capo del Governo ma in realtà foriere del dilagare dell’illegalità in ampi territori della vita collettiva.

Le elezioni del 2006 dovevano essere il punto di svolta in tale direzione, ma le cose, come sappiamo, andarono diversamente. La debole maggioranza che ne uscì e l’ancor più debole governo Prodi nulla fecero nelle direzioni auspicate e, anzi, si produssero nella più invisa delle leggi vergogna (l’indulto).

Seguirono la nascita del Partito democratico e la politica suicida di Veltroni, che puntò tutto su nuove elezioni nella speranza che ne uscisse un governo di larghe intese. L’incubo dell’elettore di centrosinistra, quindi, continuò, e con esso, sempre più tenue, perdurò la speranza della sua fine.

Il nuovo esecutivo Berlusconi (2008-2011) riprese e consolidò la politica impostata nella legislatura 2001-2006, affidando a Gelmini il compito di aggravare i danni di Moratti (che già aveva trovato il terreno devastato da Luigi Berlinguer) e si produsse un ulteriore imbarbarimento della vita pubblica, sulla quale si abbatté la crisi economica tutt’ora in corso.

Crisi che ci ha imposto il governo Monti e, dopo le elezioni del 2013, il governo Letta e quindi il governo Renzi.

L’elettore di centrosinistra – o quel che ne resta – è ancora lì, nel tunnel imboccato nel 2001, e si ritrova un governo guidato da quel Partito democratico da cui si aspettava la fine dell’incubo. Tuttavia scopre che:
– la precarizzazione del lavoro si accentua sempre più, e l’indebolimento dello statuto del lavoratori, tanto caro alle destre, è divenuto realtà;
– il ministro Giannini si muove in assoluta continuità con il predecessore Gelmini;
– la TV di Stato è sempre più serva del potere;
– la Costituzione è soggetta ad una modifica molto peggiore di quella voluta dal centrodestra e bocciata dal referendum del 2006;
– le leggi vergogna sono ancora tutte in vigore, e continuano a devastare la vita pubblica;
– la politica è sempre più autoreferenziale e sorda ai bisogni delle persone; la menzogna è assurta a categoria obbligatoria della comunicazione politica.

Dopo le amministrative di giugno, leggo esponenti del Partito democratico dire di pagare il prezzo del populismo e dell’invidia sociale, o di non aver rottamato abbastanza; di aver perso le periferie ed il contatto con “la gente”.

Secondo me, invece, il centrosinistra, o quel che ne resta, ha smarrito la memoria della sua ragione di essere, che sta scritta nelle righe che precedono.

Certo, il 5-19 giugno non si votava per gli assetti politici nazionali ma per i sindaci, per i governi delle città e dei paesi, per la vita quotidiana di milioni di cittadini. Ma la vita quotidiana dei cittadini è regolata prima di tutto dalla legislazione nazionale, non dai consigli comunali. E la ribellione degli elettori del fu centrosinistra è rivolta contro il tradimento di quelle promesse, contro la rimozione di quella memoria, contro la menzogna di chi, per interi lustri, ha chiesto voti contro politiche che, ora, sostiene e consolida.

Cari esponenti del fu centrosinistra, ritrovate la memoria di quello che dovevate essere e che dicevate di voler essere, se ne siete capaci, prima di disquisire sugli elettori che non avete più.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: