I babbi di Renzi

Fugue

Da Veltroni Renzi ha tratto l’idea del partito unico, totalizzante. Quella che Walter chiamava vocazione maggioritaria, con Renzi è evoluta da illusione a possibilità reale: azzerare la sinistra e divorare il centro. Di D’Alema Renzi ha la spregiudicatezza, la propensione all’intrigo parlamentare, la spietatezza verso gli alleati deboli, la slealtà verso gli (ex) amici. Di Veltroni ha la superficialità, la faciloneria, il piacionismo popolare. Da D’Alema ha copiato l’idea dell’accordo con B., lo strame dei programmi elettorali in nome del compromesso con l’avversario per stravolgere la Costituzione.
Chi nel pd si strappa le vesti descrivendone il segretario come un alieno che sta devastando la casa comune, non vede o finge di non vedere che del pd Renzi è il prodotto perfetto. Figlio di papà come i due eterni duellanti che lo hanno preceduto, come loro è il prototipo di chi ha trovato nella politica la via per costruirsi una carriera. Democristiano nato e cresciuto in terra di comunisti, ha fatto dell’unione fra ex dc ed ex pci una creatura che, nella miglior tradizione delle fusioni politiche, ha tratto il peggio da entrambe le componenti.
Altro che emulo di B., Renzi è il figlio politico di D’Alema e di Veltroni che l’incubatrice piddina ha scientemente cresciuto, ed i suoi attuali avversari interni (veri o fasulli) sono mossi soltanto dall’invidia per esser lui riuscito laddove essi han fallito.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: