La sentenza Mediaset è solo l’inizio

agosto 15, 2013

degregorio

Estraggo dal Fatto Q. di oggi poche frasi dall’intervista a Sergio De Gregorio (sperando di non violare i diritti d’autore).

D. De Gregorio ha parlato ai pm di Napoli anche di un episodio che riguarda i diritti tv Mediaset.

R. La mancata rogatoria a Hong Kong dei magistrati di Milano, nel 2007.

D. Fondi neri per milioni di euro riconducibili a Frank Agrama, condannato con B. per i diritti tv Mediaset.

R. Centinaia di milioni di euro. Una montagna enorme di soldi con una triangolazione tra Stati Uniti, Hong Kong e Italia. Il processo ha cristallizzato solo una parte minima dei fondi neri di Mediaset.

Non servono commenti.


Adesso però basta

agosto 15, 2013

mediaset

La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione.

E’ il secondo comma dell’articolo uno della Costituzione e la sua applicazione è consentita. Sua ovvia conseguenza è che a decidere sulla presenza in Parlamento di Silvio Berlusconi è il Parlamento, eletto (quasi) democraticamente nel febbraio scorso.

Berlusconi, lo sanno anche le pietre, era ineleggibile fin dal 1994 e lo è tuttora. La sua presenza in Parlamento è una violazione di legge che i partiti hanno finto di non vedere per quasi venti anni. Ora è venuto il momento di sanare la questione applicando la L. 361/1957.

Si obietta che, non essendo stata applicata tale disposizione nelle cinque elezioni precedenti, non è possibile mutarne l’interpretazione.

Dissento. Innanzitutto perchè sbagliare cinque volte non legittima la sesta ripetizione. Ma soprattutto per l’emersione di un fatto nuovo: il contenuto della sentenza Mediaset.

All’epoca della “discesa in campo”, Silvio Berlusconi promise che si sarebbe dedicato al “paese che ama” e che avrebbe lasciato ad altri la conduzione delle sue aziende. Nessuna persona seria poteva crederci, ma, in nome della volontà elettorale, era politcamente legittimo fornire un’apertura di credito. Immaginiamo di aver pensato: farà solo il politico e non più l’imprenditore concessionario pubblico, quindi non vi è conflitto di interessi e la violazione di legge è solo formale e non sostanziale. Va bene. Su tali premesse si è concesso a Berlusconi di sedere in Parlamento.

Ma ora le cose sono chiare. La sentenza Mediaset, a prescindere dai suoi effetti penali, afferma incontestabilmente che Silvio Berlusconi, nel periodo in cui ricopriva la carica di Presidente del Consiglio, dirigeva personalmente gli affari Mediaset, ed in particolare il suo core business (diritti tv). Quindi, ad ogni candidatura ha sempre sistematicamente mentito agli italiani, ai suoi elettori, agli organi di informazione di controllo. Non solo, la sua amministrazione di fatto di Mediaset era macroscopicamente illegale, essendo finalizzata alla frode fiscale.

Di fronte a ciò il Parlamento non può che prendere un decisione politica netta. Decisione politica e non giuridica. Affermando che Berlusconi ha mentito sistematicamente ed ingannato le Camere, inducendole a concedere una facoltà (l’eleggibilità) che gli doveva invece essere negata.

Divieto che può e deve essere opposto ora: dichiarando ineleggibile Silvio Berlusconi ed estromettendolo dal Senato in base alla normativa vigente. E ciò a prescindere dalla pena accessoria comminata dalla Corte d’Appello di Milano, da qualsivoglia interpretazione delle Legge Severino e da qualsiasi provvedimento di “clemenza” dovesse piovere dal Quirinale.

Un tentennamento, comunque motivato, da parte dei partiti che siedono in Parlamento (Pd per primo) non può e non deve essere tollerato.