Vent’anni di bugie

giugno 21, 2012

A venti anni esatti dal boato di via D’Amelio, il nervo scoperto della Repubblica affiora, plasticamente, come un immaginario cavo telefonico che dai corridoi del Tribunale di Palermo arriva nel cuore della politica romana: il Quirinale.

Dalla crisi finanziaria di allora alla crisi finanziaria di oggi, la politica nazionale ha avuto fra i suoi primari compiti quello di coprire la verità sulle stragi del biennio di sangue, perché da essa sarebbe probabilmente scaturito il vero collasso del sistema di potere che governa il Paese. Non si spiegherebbero altrimenti troppe anomalie. La carriera luminosa dell’oscuro avellinese Mancino, proiettato ai massimi vertici istituzionali quando era soltanto un peone della morente democrazia cristiana; la conversione di Violante, da spietato inquisitore della politica ad acquiescente strumento della normalizzazione della magistratura; la latitanza di Provenzano, che per decenni visse beato in Sicilia, recandosi a piacimento a Roma per far visita a Ciancimino; la sconcertante conduzione del processo Borsellino uno, che mandò all’ergastolo una fila di innocenti; la tetragona inamovibilità di Dell’Utri, unico politico rimasto al fianco di Berlusconi dal ’94 ad oggi. Sono solo esempi, ma manifestamente sintomatici dell’esistenza di una verità inconfessabile che gli italiani non devono sapere, a nessun costo.

Programmi, bipolarismi, bicamerali, federalismi, riforme, sviluppo, crescita e rigore. Parole che da anni ci tirano in faccia pur di non dirci la verità. Che non può nemmeno essere la minaccia di morte per avere qualche beneficio carcerario in più. Anche questa barzelletta la vadano a raccontare a qualcun altro.