Magic moments.

febbraio 28, 2009

Magic, moments,
When two hearts are carin’,
Magic, moments,
Memories we’ve been sharin’. . .
I’ll never forget the moment we kissed,
The night of the hayride,
The way that we hugged to try to keep warm,
While takin’ a sleigh ride.
Magic, moments,
Memories we’ve been sharin’,
Magic, moments,
When two hearts are carin’ . . .
Time can’t erase the memory of,
These magic, moments,
Filled with love!
whistling . . .
The telephone call that tied up the line,
For hours and hours,
The Saturday dance, I got up the nerve,
To send you some flowers.
Magic, moments,
Memories we’ve been sharin’,
Magic, moments,
When two hearts are carin’ . . .
Time can’t erase the memory of,
These magic, moments,
Filled with love!
The way that we cheered,
Whenever our team,
Was scoring a touchdown!
The time that the floor,
Fell out of my car,
When I put the clutch down!
The penny arcade,
The games that we played,
The fun and the prizes!
The Halloween hop,
When everyone came,
In funny disguises.
Magic, moments,
Filled with love!
whistling . . .


L’agenda rossa.

febbraio 27, 2009

Copioincollo da micromega.it

***
Leggi il seguito di questo post »


La rivoluzione di Franceschini.

febbraio 27, 2009

“Scioglierò il governo ombra e rifarò la segreteria”. E tutti a dire: “Che uomo! Che polso!”. Nessuno aveva capito però che il significato era di nominare alla segreteria i membri del governo ombra.


Scricchiolii.

febbraio 23, 2009

Marco Travaglio scrive sul suo blog (trovate il link nel blogroll) che il sistema di potere che ci governa “scricchiola” e che, nonostante la sua forza consista esattamente nella capacita’ di nascondere le crepe, i sintomi del prossimo crollo si possono intravedere. Non so se ha ragione. Io faccio solo due calcoletti semplici; il conto della serva, come si usa dire.

Alle ultime elezioni politiche ci sono stati imposti due partiti alternativi, pdl e pd, reciprocamente riconosciutisi come espressioni del compiuto sistema bipolare su cui sarebbe definitivamente incardinata la nostra democrazia.
Ed infatti queste due entita’ hanno fatto il pieno (o quasi) di deputati e senatori. Tale assetto ha giovato unicamente all’attuale presidente del consiglio, e ancora non capisco perche’ sia stato tanto pervicacemente ricercato dai dirigenti del pd. Ma questo e’ un altro discorso.

Veniamo alle recenti elezioni regionali sarde, celebrate come il grande successo del pdl sul pd, tanto che Veltroni si e’ dimesso.

Andando a leggere i dati scopro che il pdl ha raccolto circa il 31% dei voti (meno 11% rispetto alle politiche) ed il pd il 24% (meno 11% anch’esso), su una percentuale di votanti del 67%. Cio’ significa che i due grandi partiti, congiuntamente, hanno ottenuto il consenso del 36% degli aventi diritto, poco piu’ di un elettore su tre. Ovvero quasi due elettori su tre o non hanno votato o hanno scelto altre formazioni, pur se alleate alle principali.

Che sia anche questa una crepolina?


Mens Sana Siena-Virtus Bologna 70-69.

febbraio 23, 2009

E’ questo il risultato della finale di Coppa Italia disputata ieri.

Ma non si placano le polemiche per un arbitraggio che in molti giudicano favorevole ai toscani, così come satebbe stato nelle precedenti sfide di quarti e semi finale.

Per la prossima edizione propongo quindi che prima della partita gli arbitri giurino sulla Costituzione.


Il PD a Franceschini.

febbraio 21, 2009

Lo svolgimento dell’assemblea nazionale che ha eletto Franceschini segretario del PD ha offerto un quadro autentico dello stato del partito. Formalmente nata con la grande partecipazione popolare alle primarie del 14 ottobre 2007, la nuova formazione del centrosinistra italiano si consegna nelle mani di un dirigente cooptato alla segreteria da colui che è stato criticato (più o meno severamente) da tutti gli oratori di oggi per i suoi molti errori, ma soprattutto per una precisa responsabilità gestionale: assenza di democrazia interna. E per un partito che si qualifica nel nome solo e soltanto come “democratico” non è cosa da poco.
Leggi il seguito di questo post »


L’assemblea nazionale del PD.

febbraio 21, 2009

Si sta aprendo a Roma in queste ore. Grande attesa per il cambiamento, la svolta, l’avvicendamento generazionale. Largo ai giovani.

Bisognerebbe però ricordare che i membri di questa assise (che fino a qualche giorno fa si chiamava assemblea costituente) sono stati eletti in liste bloccate legate ai nomi dei candidati alla segreteria. E ribadisco ai nomi, non a linee politiche o ad ispirazioni ideali.

E allora mi chiedo chi rappresentino costoro se non lor stessi e chi li ha protetti e portati fino a lì.