Per rinfrescarci la memoria: il caso Europa 7.

Uno dei vantaggi del blog è di ricopiare e conservare articoli. Per tenere la memoria di fatti che è sempre bene non dimenticare. Oggi ne prendo uno dal corriere.it.

Consiglio di Stato: «Un milione
di risarcimento per Europa 7»
L’emittente di Francesco Di Stefano pur con la concessione nazionale non aveva mai avuto le frequenze

ROMA – La Sesta sezione del consiglio di Stato ha stabilito che Europa 7, l’emittente di Francesco Di Stefano, dovrà ottenere dallo Stato un risarcimento di poco più di un milione di euro. La pronuncia mette la parola fine ad una vicenda decennale.

LA VICENDA – Europa 7 nel 1999 aveva vinto la gara per una concessione nazionale, ma non aveva mai avuto le frequenze per trasmettere: di qui una lunga battaglia giudiziaria che ha coinvolto anche la Corte di giustizia europea. Di recente il ministero dello Sviluppo economico ha assegnato all’emittente una frequenza liberatasi grazie alla ricanalizzazione dello spettro chiesta dall’Unione Europea. Restava in piedi la richiesta di risarcimento danni da parte di Europa 7: fino a 3,5 milioni senza assegnazione di frequenze, fino a 2,160 milioni con le frequenze.

LA STORIA – Nei progetti di Francesco Di Stefano c’ era l’ idea di fare una televisione tutta nuova con «molta informazione, indipendente dalla politica e dai grandi interessi, con programmi intelligenti, molta satira e buoni film». Nel luglio 1999 partecipò alla gara pubblica per l’ assegnazione delle frequenze televisive nazionali e risultò vincitore di una concessione per Europa 7 (settima in classifica). Allo stesso tempo Rete 4, che già trasmetteva a livello nazionale, perse la concessione. Nonostante avesse vinto Europa 7 il Governo D’Alema non le assegnò le frequenze per iniziare a trasmettere per la mancata applicazione del piano nazionale di assegnazione delle frequenze. Da allora Rete 4 continua a trasmettere senza concessione.

***

Di Stefano ha avuto un risarcimento ridicolo e potrà trasmettere, anche se fra tre anni tutta la tv dovrà viaggiare sul digitale terrestre e quindi l’epilogo ha il sapore di una beffa. Peccato che, quantunque a beneficiare dell’abuso di Stato sia stata Mediaset (che da dieci anni trasmette su un canale senza concessione), a pagare un milione di euro al danneggiato sia lo Stato, cioè sempre noi.
E va anche detto che, per consentire ad Europa 7 di andare in onda, sarà Raiuno a modificare le proprie frequenze.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: