Ci risiamo.

ottobre 30, 2008

L’emendamento salvamanager, già inserito nel decreto Alitalia e poi ritirato dopo la denuncia di Milena Gabanelli e la tartufesca sconfessione di Tremonti, pare sia stato ripresentato tale e quale. Ne dà notizia repubblica.it

Leggi il seguito di questo post »

Annunci

Abolire il rito abbreviato/3.

ottobre 29, 2008

Oggi il blog e’ preso d’assalto dai lettori che cercano sui motori di ricerca informazioni sul rito abbreviato. Immagino che sia dovuto all’esito dell’udienza preliminare al Tribunale di Perugia nel caso Kercher. Uno degli imputati e’ stato condannato con rito abbreviato, per gli altri due ci sara’ processo con rito ordinario.
Leggi il seguito di questo post »


Il ritorno del Principe.

ottobre 26, 2008

Consiglio a tutti la lettura de “Il ritorno del Principe” di Saverio Lodato e di Roberto Scarpinato. E’ un libro intervista sulla storia criminale in Italia, dall’unità ad oggi, che descrive nitidamente l’immutabilità della forma mafiosa del potere in Sicilia. Dire che lascia profondamente depressi e quasi senza speranza è dir poco. Ma per chiunque voglia cercare di capire l’anomalia della vita pubblica italiana, senza ipocrisie, è un testo illuminante.
Leggi il seguito di questo post »


Chiedo venia.

ottobre 22, 2008

E’ da molto che non scrivo: mi dispiace ma sono sovraccarico. In compenso mi sono iscritto a Facebook, che mi sembra un discreto casino. Comunque chi vuole mi trova anche là, dove, per ora, non ho scritto alcunchè. Ma lì si va solo per incontrarsi virtualmente fra amici, se ho capito.


Finalmente si comincia.

ottobre 12, 2008

Dopo una lunga attesa puntellata dalle penose esibizione della nazionale e dall’esclusione dalla serie A di Napoli e di Capo d’Orlando, comincia il campionato. Oggi la Virtus debutta in casa con Biella. A presto aggiornamenti sul punteggio.

Abbiamo vinto 83-72.


Più Stato meno Mercato.

ottobre 12, 2008

Mentre il Partito Comunista Cinese sta costruendo nell’omonima Repubblica Popolare il più gigantesco sistema capitalistico di tutti i tempi, o forse proprio per questo, sembra che i paesi occidentali, dal Regno Unito alla Germania, dagli Stati Uniti alla Francia, riscoprano la centralità economica dello Stato.

Abbiamo ancora nelle orecchie lo slogan “meno stato più mercato” che risuona dai primi anni novanta ed in nome del quale sono state “privatizzate”, chiuse, vendute, svendute le grandi imprese pubbliche nazionali. Ma sembra che ora si faccia marcia indietro. Si comincierà presumibilmente con le banche, e siccome sono esse a detenere i pacchetti di maggioranza delle grandi imprese, il circolo si chiude in fretta.

D’altronde il sistema economico nazionale basato sulle partecipazioni statali fu costruito con consapevole saggezza nel dopoguerra, guardando al vicino esempio sovietico. Va infatti sottolineato che, contrariamente a quanto ci è sempre stato detto, nel ventennio successivo alla fine della guerra, l’economia pianificata sovietica crebbe a ritmi superiori a quelli dei paesi occidentali (eccezion fatta per Italia e Germania che, essendo semidistrutte, non potevano che crescere). In altre parole l’URSS era la Cina di adesso, con l’equivalente di quello che è il PIL che cresceva a ritmi doppi o tripli rispetto a quello della Francia e del Regno Unito. In Italia si prese esempio. Forse l’Europa sta riscoprendo quella strada?

Una cosa va però tenuta a mente. I regimi che ho menzionato (URSS, Cina e Russia di oggi) hanno fatto o fanno a meno di due elementi: la democrazia e la libertà individuale; ad onta di quegli economisti illusi (e sono stati la maggioranza) che hanno sempre sostenuto che benessere economico, libertà d’impresa, capitalismo, libertà individuale e democrazia sono elementi imprescindibilmente interconnessi, cosicchè venendo meno uno di essi, vengono meno tutti.

Anche a noi toccherà lo stesso destino?


L’emendamento salva manager (ladri).

ottobre 9, 2008

“Art. 7-bis. – (Applicabilità delle disposizioni penali della legge fallimentare). – Le dichiarazioni dello stato di insolvenza a norma dell’art. 4, comma primo, e dell’art. 3, comma terzo, del presente decreto e dell’art. 3 e dell’art. 82 del decreto legislativo 8 luglio 1999, n. 270, sono equiparate alla dichiarazione di fallimento ai fini dell’applicazione delle disposizioni dei capi I, II e IV del titolo VI della legge fallimentare (R.D. 16 marzo 1942, n. 267 e successive modificazioni ed integrazioni) solo nell’ipotesi in cui intervenga una conversione dell’amministrazione straordinaria in fallimento, in corso o al termine della procedura, ovvero nell’ipotesi di accertata falsità dei documenti posti a base dell’ammissione alla procedura”».

Leggi il seguito di questo post »