Bene.

agosto 31, 2008

Se dio vuole agosto è finito e ci aspetta l’autunno caldo dell’anno XV dell’era di Silvio. Ho ben poco da aggiungere al servizio “citizen Berlusconi” postato nei giorni scorsi, quantunque molto ancora si potrebbe dire ma forse inutilmente. Le parole odierne di Monicelli sul ritorno del fascismo sotto altre vesti sono la sintesi migliore del pensiero degli italiani che non si sono ancora rassegnati e piegati al Pensiero Unico.

Si annunciano leggi sulle intercettazioni, riforma della Giustizia (aiuto!) ed amenità varie; tutta da vedere la partita Alitalia che mi pare niente affatto chiusa, viste le violazioni delle regole antitrust, i dubbi della commissione europea e l’ostilità dei sindacati. Di fatto si tratta di una procedura fallimentare cammuffata, che viola ogni regola, italiana ed europea, perfezionata in danno di molti ed a vantaggio di qualcuno. Il tutto è reso possibile dalla forza propagandistica della maggioranza che è in grado, grazie al volume assordante del megafono di cui dispone, di far apparire squisito cioccolato qualsiasi materiale di colore marrone. Per come hanno descritto il piano i giornali (cioè male) risulta evidente quantomeno il reato di bancarotta preferenziale. Ma nessuno dovrebbe stupirsi se questo governo fa strame delle leggi della repubblica, anche se si tratta di norme risalenti al ventennio, visto che la disciplina fallimentare risale al 1942.

Dato ormai per perso il partito democratico, il cui gruppo dirigente pare in totale spappolamento ed il cui segretario si limita a qualche ridicolo squittio, vedremo se da altri settori della società sapranno venire voci di dissenso. Sul blog, compatibilmente con il tempo che ho a disposizione, mi sforzerò di raccogliere le mie riflessioni.

Si potrebbe anche rinverdire la consuetudine delle cene del blog, in luoghi da stabilirsi. Chi ci sta?

Buona giornata a tutti.