Quindici anni fa.

Abbiamo chiesto quanto costava e ci hanno risposto “dieci milioni al metro quadro”. “Come, dieci milioni al metro quadro?” “Sì, ma, non si può fare un discorso di un tanto al metro quadro, perché via Dandolo è una via storica. Qui Garibaldi ci ha fatto la resistenza.”

Era il 1993, e dieci milioni al metro quadro sembravano a tutti un’enormità. Sono passati quindici anni, ed oggi i prezzi delle case in zone di pregio a Roma, stando alle notizie che appaiono su internet, oscillano intorno ai quindicimila euro al metro. Era proprio un mondo diverso.

5 Responses to Quindici anni fa.

  1. nancy ha detto:

    Ora, infatti, c’è il gran ritorno dell’affitto: non è la stessa cosa ma può evitare di compiere passi azzardati; a volte si conclude con un rogito ed allora l’acquisto è ponderato ma le varianti sono molte ed imprevedibili.

    15.000 Euro al mq sono comunque un’esagerazione, non trovi?

  2. sandrozagatti ha detto:

    Lo trovo un’esagerazione sì. Ma, a quanto pare, nessuno si scandalizza. E nemmeno dei prezzi assurdi delle città minori come Trieste. Se la politica non avesse del tutto abbandonato la politica della casa, lasciandola agli speculatori, adesso gli immobili avrebbero prezzi ragionevoli, e per le famiglie “arrivare a fine mese” sarebbe un po’ più semplice. Perchè gli affitti saranno anche convenienti, ma restano comunque elevati, dal momento che subiscono il traino del valore degli immobili.

  3. strafalcione ha detto:

    ieri era giornata. Intendevo variabili, non varianti.
    Non è comunque il caso di essere così pessimisti. Evidentemente certi immobili sono considerati più come investimento che per la loro effettiva funzionalità.
    Per gli altri il mercato si aggiusta da sè ed in questo senso, a volte, l’intervento della politica fa solo danni.
    Buona giornata, Nancy

  4. sandrozagatti ha detto:

    Mah, non so. Noi siamo abituati ad una cattiva politica che, per definizione, fa danni. In realtà negli altri paesi gli enti locali si occupano massicciamente e seriamente di pianificazione edilizia e le cose non vanno come da noi. Vedere la scempio fatto a Roma da veltroni consegnando la pianificazione urbanistica ai palazzinari (Toti, Marchini e co.).

  5. nancy ha detto:

    ok. Sono discorsi diversi ma in effetti interconnessi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: