Il maschilismo di ritorno

spiaggia

E’ inutile nasconderselo: comunque si affronti la questione femminile (dalle quote rosa all’aborto, dalle discriminazioni sul lavoro alle violenze domestiche) emerge che la cultura del nostro paese è venata da un persistente maschilismo o, per meglio dire, da una forma di resistenza all’idea di un’autentica emancipazione femminile.

Sono passati ormai quarant’anni dall’esplosione del femminismo e dalla nascita dello speculare fenomeno del maschilismo, e tali espressioni e nozioni, a mio modo di vedere, non sono più sufficienti a descrivere la complessità del fenomeno. Basti dire che sono tantissime le donne che, pur rivendicando la propria emancipazione a tutti gli effetti, non esitano a dire di non essere e di non essere mai state femministe. E nessuno osa definirsi maschilista, né alcuno accetta che tale appellativo gli venga rivolto.

Innanzitutto è legittimo chiedersi cosa significa “femminismo” e, simmetricamente, cosa significa “maschilismo”. Sono certo che su tali interrogativi sono stati versati fiumi di inchiostro e distillati pensieri assai profondi. Non potendo e volendo attingere a ciò, tento una riflessione a livello più modesto.

Ricordiamoci quale era lo slogan portante del femminismo degli anni settanta: “io sono mia”. Intendendosi con ciò che si affermava in primis il totale governo di ogni donna sul proprio corpo. Pertanto è già possibile trovare, per negazione, una definizione del maschilismo come il principio, storicamente radicato, secondo il quale esiste una “autorità di governo” sul corpo della donna diversa dalla donna stessa. Poiché il corpo femminile ha un duplice insostituibile valore sociale (oggetto di piacere e “strumento” di procreazione), nel corso della storia la società si è organizzata in modo da impedire che un “suo” elemento tanto importante sia “autogestito” da chi ne è portatore. Quindi è necessario porre su di esso una tutela esterna, esercitata prima dalla famiglia, poi dal coniuge e, in assenza di entrambi, da altri istituti (la badessa, il protettore..).

Ma perché ciò sia effettivamente possibile è indispensabile che la donna sia impedita a sottrarsi a questa tutela, e siccome ciò può avvenire solo con l’indipendenza economica, la sottomissione della donna al “patrimonio” (del padre prima e del marito poi) diviene strumento di controllo personale e sociale. In questo quadro la donna vive la propria esistenza come ancorata alla funzione del proprio corpo inteso come “mezzo” per la sua funzione e promozione sociale.

Il femminismo propose la rottura di questo schema millenario: il corpo di ciascuna donna appartiene ad essa e ad essa sola; e ogni donna provvede alla sua affermazione sociale e personale esclusivamente con le proprie qualità, esattamente come fa l’uomo. La maternità e la possibilità di dare piacere non sono più oggettivamente elementi governati dalla società (attraverso diverse autorità) e soggettivamente “mezzi” di promozione per la donna, ma esclusive espressioni della di lei personalità. La società perde quindi ogni strumento di controllo sulla singola personalità femminile poiché ciascuna donna riesce a governare se stessa con il proprio lavoro.

Si trattava di una rivoluzione epocale che, sebbene tutti la diano per acquisita, a me sembra non venga colta nella sua interezza e profondità. Perché innanzitutto l’organizzazione sociale pre-femminista, pur nei contenuti a che riteniamo giustamente retrivi, aveva un suo equilibrio la cui rottura avrebbe potuto generare (ed ha generato) scompensi.

Osserviamo intanto che sarebbe sbagliato affermare che l’impostazione tradizionale era solamente punitiva nei confronti della donna. Sotto certi aspetti il maschilismo aveva degli elementi di tutela proprio nei suoi confronti. Se infatti la vita di una persona di sesso femminile è organizzata sulla sua possibilità di procreare e/o di dare piacere, cosa è di lei quando il suo corpo non è più in grado di soddisfare a ciò? Cosa impedisce che il suo posto in seno al matrimonio venga insidiato da altre donne più giovani? Semplice: la proibizione per esse di vivere liberamente la sessualità con altri, ivi compreso il marito di lei. L’ordine sociale basato sulla fedeltà e sulla repressione sessuale era quindi organico ad un sistema che tutelava anche le mogli e madri. In una società contadina (come è stata la nostra per millenni), dove il patrimonio era costituito da un bene materiale come la terra, la possibilità che il capofamiglia, rincorrendo altre donne al di fuori del matrimonio, magari dilapidando un bene irrecuperabile, provocando in tal modo il disastro suo, della moglie e della discendenza, era una prospettiva talmente tragica che lo strumento ostativo della sottomissione femminile risultava indispensabile. Ed infatti, anche in tempi recenti, la rigidità maschilista delle comunità contadine era ben superiore a quella del mondo borghese, nel quale la ricchezza è fondata sul lavoro e non sulla proprietà, e dove pertanto era tollerabile e tollerata una maggiore libertà.

A riprova di ciò vale la pena di sottolineare che il maschilismo non è mai stato un sentimento esclusivamente maschile. Anzi: è sempre esistito ed esiste un maschilismo delle donne, spesso più crudo, intransigente e severo di quello degli uomini.

In altre parole il maschilismo aveva la funzione di prevenire l’insidia sociale insita nella libertà sessuale delle donne. Laddove esse fossero state libere di gestire il duplice potere di cui il proprio corpo è portatore, ne sarebbe derivato un pericolo per l’ordine sociale. Più crudamente, potendo il corpo femminile divenire mezzo di corruzione, la libertà sessuale avrebbe causato un dilagare della corruzione a tutti i livelli.

La risposta del femminismo era (uso il passato perché la mia opinione è che il femminismo come fu concepito non esiste più) al tempo stesso, oltre che rivoluzionaria, semplice ed ambiziosa: la donna si riappropria del proprio corpo e rinuncia al potere sociale che il proprio corpo le conferisce, accettando la sfida dei “pari diritti e pari doveri” con l’uomo.

Ma l’ambizione di tale programma si è scontrata con la realtà nella quale le donne hanno compreso tre cose. In primo luogo rinunciare a quel potere rappresenta un grosso sacrificio ed una grande rinuncia: esso significa sistemarsi con un matrimonio, fare carriera con favori sessuali e tante altre cose. Secondariamente, rinunciando alla tradizione, si perdono le tutele che esso garantiva: un mondo di donne libere è anche un mondo di donne in competizione, senza le garanzie che l’ordine familiare fornisce. La sfida dei “pari diritti e pari doveri” è solo per poche. Per mille ragioni che adesso non serve elencare, per una donna tale sfida con gli uomini è impari, possibile solo per una ristretta minoranza. Come accaduto a tante altre rivoluzione, si è risolto in un fenomeno di elite, che ha escluso la maggioranza delle donne.

La conseguenza di tutto ciò è che la rivoluzione femminista è rimasta a metà, e già negli anni ottanta, perlomeno nel nostro paese, è rifluita verso forme più tenui. Forme che non prevedono la rinuncia al potere sociale del corpo, così come l’ho descritto, lasciando quindi che ogni donna persegua la sua affermazione nella società per mezzo della relazione con l’uomo. Con il matrimonio (più economicamente fortunato che si può), con la vita di coppia con personaggi potenti, o più sbrigativamente, laddove è possibile e serve, con il favore sessuale. Il fenomeno è particolarmente acuto in una società come quella italiana, malata di “familismo amorale”, dove la promozione sociale passa per le conoscenze, per le amicizie, per le relazioni. Con una siffatta organizzazione la relazione sessuale, il rapporto di coppia, il matrimonio, divengono strumenti formidabili di successo. E infatti l’Italia è diventato il paese delle aspiranti “veline” e “vallette” d’ogni risma, intese in senso latissimo. Ricordo un programma televisivo condotto da Marcello Veneziani nel quale le ospiti Alessandra Mussolini e Stefania Prestigiacomo arrivarono alla conclusione che “Sì, si può essere veline anche nella vita”. Non so che significato si possa dare a tale principio. Io ne vedo solo uno.

Prospera quindi quella concezione che in passato il maschilismo era inteso soffocare (perchè non vi era altro mezzo), e che ora è socialmente tollerabile perché la società non è più agricola, è articolata, più ricca e, tutto sommato, in grado di sopportare, in qualche misura, il fenomeno. Ma c’è un “ma”. Perchè se tale è il comportamento delle donne (e degli uomini che lo accettano, incoraggiano, assecondano e spesso impongono) e se esso è “in nuce” la ragione profonda del maschilismo, è naturale che con essa risorga, o sopravviva, una forma di maschilismo. E si tratta, ora, di un maschilismo consapevole, elaborato da chi ha prima compreso le ragioni del femminismo, criticandole, accettandole, rigettandole (non importa) ed ora indotto a (ri)scoprire formule di discriminazione aggiornate e adatte alla società contemporanea.

In parole povere, finchè la società (intesa come comunità di uomini e di donne) continerà a considerare naturale che la promozione sociale della donna avvenga grazie al suo corpo, dovremo aspettarci, in proporzione, forme discriminatorie di stampo maschilista.

La cronaca politica recente ci offre una sintesi cruda e triste di queste mie riflessioni. Le parole di Silvio Berlusconi sulla convenienza che una donna provveda a risolvere i propri problemi economici con un matrimonio economicamente fortunato vanno raffrontate all’immagine femminile proposta della reti televisive da egli possedute. E soprattutto dalla visione antropologicamente maschilista che emerge dalla sua politica. La società che egli, più o meno implicitamente, tratteggia, vede la donna di nuovo subordinata all’uomo ed è quindi implicitamente maschilista, nel senso retrivo del termine, ma in forme moderne e consapevoli, e per questo ben più dure da contrastare.

Ed infatti vediamo emergere, qua e là, forme pittoresche di maschilismo che altro non sono che punta di un iceberg nascosto fatto di sentimenti “reazionari” in materia di emancipazione femminile. E andrebbe anche fatta una riflessione sul fatto che essa non è un valore universalmente riconosciuto come ineludibile ed indiscutibilmente affermato. Anzi. Si tratta di un’ideologia diffusa ed accettata nel mondo occidentale (Europa e Nordamerica) ma non nei paesi abitati dalla maggioranza degli esseri umani, e le migrazioni iniettano nei paesi europei culture ostili alla visione moderna della donna che crediamo di aver affermato. A chi si dice convinto che la concezione occidentale è naturalmente destinata a prevalere anche laddove non e’ attualmente accettata, insinuo il dubbio che non è detto che debba essere necessariamente così, e comunque che la nostra visione della donna è destinata ad ibridarsi con idee molto diverse.

Chiedo scusa per la disorganicità e spero di non aver urtato alcuna suscettibilità.

Annunci

18 Responses to Il maschilismo di ritorno

  1. donatellarighi ha detto:

    Che dire? Il femminismo c’è stato, ed è stato espressione di un particolare momento storico e sociale. Ha affermato delle necessità, delle irrinunciabili necessità, ha aperto squarci nell’oscurantismo millenario della gestione maschile di ogni forma di vita sociale. Ha fatto prendere consapevolezza a uomini e donne della disparità, dell’ingiustizia, della sopraffazione, della violenza.
    Perché non basta appartenere a una categoria per avere consapevolezza, comprendere, valutare, ipotizzare alternative. Io considero le donne al pari di una classe sociale che ha subito per millenni angherie, a cui è stato impedito l’accesso agli strumenti per una propria evoluzione e un proprio riscatto ( cultura? accesso alle cariche pubbliche? il voto tutto sommato è di pochi decenni fa..)
    Come si fa ad accusare le donne di essere state loro stesse complici e artefici del loro asservimento?
    Come si possono sfidare secoli di condizionamenti educativi tesi a creare modelli comportamentali perfettamente aderenti allo stereotipo del maschile e del femminile? Elena Gianini Belotti col suo “Dalla parte delle bambine” denunciava questo più di 30 anni fa, proprio nel pieno del movimento femminista, il quale ha sicuramente fatto proprie queste considerazioni, ma nello stesso tempo le ha estremizzate, rendendole pertanto fonte di timore per chi ne aveva un primo approccio. Hanno spaventato uomini e donne nello stesso tempo. Paura della perdita del dominio del territorio per gli uni, timore per uno spazio inconsueto, inusitato per le altre. Si era osato troppo. E come può accadere in ogni “rivoluzione”, dopo un eccesso, c’è un ritorno più serrato sui propri passi. Sia per le donne che per gli uomini.
    Non è un caso, quindi, che uomini intelligenti e tutto sommato aperti si aspettino che una donna debba mostrare tenacemente quanto vale, pronti a coglierla in fallo ogni volta che delude (chi?), mentre verso gli uomini nelle stesse situazioni ci si accontenta di blande performance, dando per scontate abilità e competenze. E se per caso sbaglia, è colpa del destino avverso e del contingente.
    No, non si tratta di maschilismo di ritorno, è solo quello antico, mai debellato.

    La sensibilità è stata toccata, con questo tema cosa pretendevi? Per questo, solo per questo, non ho seguito un’esposizione pulita e razionale, rigorosa, come sanno fare gli uomini.
    Chissà, forse non sono stata neppure chiara. Ah, le donne…

  2. sandrozagatti ha detto:

    Vorrei solo sgomberare il campo dall’idea che io faccia una qualche “colpa” alle donne. Non sono stato nè rigoroso nè metodico nell’esporre, lo so, perchè in fondo questo è solo un blog e di scrivere trattati non ne ho voglia (nè ne sarei in grado, su questo tema). Ma quello che intendo dire che il sentimento della disparità fra uomo e donna è comune al sentire dei due sessi ed il suo superamento va posto sul piano culturale generale. Se negli anni settanta era giusto chiedere che fossero gli uomini a cambiare la loro mentalità, ci si è dimenticati un poco che la stessa richiesta andava fatta anche alle donne. Ma non solo a quelle consapevoli, a tutte. Perchè il femminismo, come tutte le rivoluzioni, è stato un fenomeno di elite, ed ha sconrdato la grande massa di donne che si sono appena accorti della sua esistenza.

    E d’altronde io mica ho scritto un testo normativo, ho cercato di attenermi al dato conoscitivi, limitandomi a rilevare che il fenomeno “maschilista” è inversamente proporzionale al grado di liberazione delle donne dall’idea che esse si affermano per il tramite del loro corpo. Ma liberazione non solo nel senso di pensiero soggettivo, bensì di cultura collettiva. Per questo dico che il problema e ambigenere.

    E se esiste un maschilismo che non è stato scalfito dall’evoluzione del pensiero e che va combattuto, esiste anche una cultura progressista che non si è preoccupata del pensiero delle donne, della massa delle donne, limitandosi ad una elaborazione teorica astratta.

    Credo che in Italia il fenomeno sia più profondo che nel resto d’Europa e nel nordamarica, per ragioni storiche e culturali. Le idee delle nuove generazioni su questo argomento – per quello che mi è dato capire – mi sembrano esemplari.

    Spero di essermi spiegato, d’altronde il tema è talmente immenso che anche scrivendo per giorni saremmo ancora all’inizio.

  3. sandrozagatti ha detto:

    PS. Forse non è maschilismo “di ritorno” ma sempre quello. Ma sicuramente non è più quello un po’ beota del “si è sempre fatto così”. Questo è consapevole ed attrezzato.

  4. donatellarighi ha detto:

    Talmente consapevole e attrezzato che ancora ci si può sentire dire: avete raggiunto la parità (sic), cosa chiedete ancora?
    Il problema è che, accanto alla parità, intesa come uguaglianza di opportunità e trattamento giuridico- sociale, le donne reclamano e vogliono tutelare le differenze, le specificità, il sapere, il pensiero, le pratiche che le contraddistinguono.
    E questo è molto più difficile da comprendere e da sopportare.

    Però hai ragione, il tema è talmente vasto che si finisce per banalizzare.

  5. sandrozagatti ha detto:

    Spero che tu non attribuisca a me quei pensieri. Che non saranno anche rozzi ma non sono gli unici ed hanno anche, temo, un fondamento di maggiore consapevolezza (poi, per carità, probabilmente sono io che sbaglio). Io voglio solo mettere in guardia il “pensiero progressista” sul fatto che il senso comune, su questo tema, sta retrocedendo e la cosa non va sottovalutata. Se un sentimento diffuso (intendo in questo caso il “maschilismo di ritorno” ) non viene compreso ed analizzato, rischia di esplodere in forme incontrollate.

  6. donatellarighi ha detto:

    Ovvio che non mi riferivo a te!
    Mammamia, quanto sono egocentrici questi maschilisti… di ritorno. 😉
    Tu vigila sul pensiero progressista e rimani allerta. In fondo, noi donne abbiamo bisogno di qualcuno che tenga sotto controllo la situazione.

    Suvvia, è per sdrammatizzare…

  7. sandrozagatti ha detto:

    non sono egocentrici. Sanno di camminare su un terreno minato e diventano suscettibili e timorosi.

  8. donatellarighi ha detto:

    Tutto sommato non guasta che lo siano.

  9. Anto ha detto:

    Ma anche l’uomo può dar piacere…

  10. Anto ha detto:

    Se l’uomo non va alla donna, la donna andrà all’uomo. Siamo reciproci.

  11. sandrozagatti ha detto:

    magari

  12. Andrea ha detto:

    Anche il maschio più ritardato ha capito che in Italia ci sono leggi ingiuste femministe che hanno il solo scopo di far passare il maschio italiano per un criminale che và perseguitato,molestato è punito sempre è ovunque .
    Anche qualche femminuccia italiana ha cominciato a capire che qualcosa non quadra.
    Esempio: maschio dà una innocua palpatina di culo ad una donna sei mesi di galera e 30 mila euro di risarcimento alla vittima e sputtanamento a mezzo stampa del .
    Una donna castra il suo uomo non viene arrestata di certo non avrà sei mesi di galera e forse se la cava con un risarcimento irrisorio di 5 mila euro e infine non viene sputtanata per mezzo stampa , mentre il nome è cognome dell”uomo castrato sessualmente e,mentalmente e fisicamente viene diffuso allegramente da giornali e televisioni che pure ci ridono sopra . E ovvio che per leggitima difesa ci sia un generalizzato maschilismo di ritorno.
    Non puoi assolvere una donna criminale e nello stesso tempo per cazzate risolvibili con una semplice multa sbattere in galera un uomo rovinandolo anche economicamente .
    Anche a me è successo che una donna mi ha palpalto il culo e un”altre due i testicoli in pubblico .
    Se le avessi denunciate teoricamente tutte e tre avrebberò dovuto risarcirmi con 90mila euro e tutte e tre avrebberò avuto 18 mesi di galera .
    Scommetto i gioielli di famiglia che non avrebberò fatto un giorno di galera nè avrei visto un solo euro di risarcimento.
    La legge non è uguale per tutti!

  13. Andrea.F ha detto:

    In Italia le donne sono privilegiate in tutti i campi.
    Se compiono un reato penale di qualsiasi genere o la fanno oppure se la cavano con una pena irrisioria.
    Malgrado questi privilegi assurdi ci sono donne di merda femministe che hanno anche la faccia tosta di lamentarsi che i giudici sono tutti maschilisti se fanno una sentenza che non è di loro gradimento.
    Nei luoghi di lavoro le donne possono impunemente molestare sessualmente noi uomini .
    Le donne guadagnano i stessi soldi che guadagnano gli uomini però fanno i turni di lavoro migliori .
    Le donne hanno privilegi e leggi che le favoriscono a danno di noi uomini.
    Malgrado tutto ciò le femminuccie italiche vogliono nuove leggi e nuovi privilegi a danno di noi uomini.
    Ovviamente qualche uomo non gradisce essere umiliato ,
    maltrattato e sottomesso dalle donne di merda italiche.
    Ecco il perchè nascono movimenti maschili a difesa dei diritti di noi uomini.
    Le femminuccie ovviamente sono preoccupate perchè possono perdere privilegi e abolite alcune leggi che discriminano e danneggiano noi maschi.

  14. UMBERTO ha detto:

    l’Italia e un paese femminista
    la televione sta compiendo un opera di rimbambimento dell sesso maschile, le donne qua le donne la, bla,bla,bla film con superdonne che neanche un pugile tira certi pugni,cosi le ragazzine vedendo questi film si gasano escono pensando di poter fare come
    le loro eroine ma la realta e un altra.
    I pochi uomini rimasti in televione sono solo mezze s..e, e per fortuna sono pochi.
    nelle missioni militari su un intera compagnia di soldati
    le telecamere e le interviste si soffermano solo su quelle 3 o 4 donnne in divisa(secondo me le donne in divisa sono ridicole) ma in prima linea ha combattere
    e ha morire ci vanno gli uomini.
    non auguro ha nessuno di morire, ma non ho mai sentito di una soldatessa morta nei combattimenti

    l’ accesso delle donne nelle forze armate mi sembra una cosa da belle statuine fanno da cornice al quadretto.

    Abbiamo un ministro delle pari opportunita TOTALMENTE DALLA PARTE DELLE DONNE,oppure non conosce la parola persone.
    Lo stalking e le varie dicriminazioni le subiscono uomini e donne ma dalla sua bocca esce sempre ‘la donna’.

    e che ne dite delle leggi che vigono in italia in fatto di separazioni con relativo affidamento dei figli?

    evidentemente per il ministro delle pari opportunita MARA CARFAGNA
    non ritiene una discriminazione, che un padre debba lasciare la casa alla moglie, passare gli alimenti, e vedere suo figlio una volta alla settimana.

    io ho votato pdl
    ma i ministri sono come i parenti te li ritrovi senza averli scelti

    uomini (non di televisione ) sveglia ,le donne sono piene di rancore nei nostri confronti,e questo le porta ha non essere obbiettive,pensano che sia tutto dovuto

    ne avrei ancora al’ infinito ma adesso vi saluto
    ciao

    ì

  15. sandro zagatti ha detto:

    Caro Umberto, apprezzo lo sfogo. Io cerco di essere più razionale ma so che in molti (molte) la pensano come te.

  16. Luciano ha detto:

    Ha ragione Andrea. condivido. ecco perche sempre più uomini non si fidano più della giustizia e cominciano a farsi giustizia da soli. Vedendo la TV si rendono conto in che mondo siamo, l’umiliazione dell’uomo in televisione ha esattamente l’effetto opposto, i ragazzi soprattutto cominciano a capire che la giustizia è un nemico e la donna è sua complice.
    Chi ha voluto fare il furbetto facendo leggi femministe ne vedrà delle belle, gli si rivolterà contro tutto l’odio che ha generato.
    Amen

  17. Lisa ha detto:

    Ieri sera ho visto l’ultima puntata della serie televisiva tratta da “Romanzo Criminale”, scaricata piratescamente dalla rete… l’ultima scena è la morte del Libanese, il famoso leader della banda della Magliana. Certo, la fiction televisiva romanza quello che dal dato storico è, nel libro di de Cataldo, già un romanzo, ma l’Italia e gl’italiani, a mio avviso, ne vengono fuori descritti alla perfezione.
    Ok, tutto ‘sto preambolo per dire che cosa?
    Perché il Libanese, feroce criminale dal cervello manageriale, prima di finire morto ammazzato, cosa fa? Invoca la mamma.
    La mamma che non gli apre la porta e lo lascia solo, sotto la pioggia, davanti al Porsche, a farsi sparare da due killer. La mamma che non viene comprata dalle pellicce e dagli attici ai Parioli come certe altre donne del “romanzo” (vedi Patrizia, amante ufficiale del Dandi, che da putain si trasforma in “donna d’affari”, come rileva il commissario Scialoja…).
    Insomma, il potere della mamma italica è di gran lunga superiore a quello di qualsiasi boss e questo i maschietti, in fondo, lo sanno, come sanno di esserci ancora legati mani e piedi.
    Allora mi chiedo: finché nel nostro Paese noi donne manterremo un comportamento ambivalente, che non aiuta, fin dalla più tenera età, i maschi ad emanciparsi da noi e che li spinge a reagire al “dominio” femminile per opposizione, che senso volete abbia parlare poi di rispetto per le donne?

  18. sandro zagatti ha detto:

    Bell’intervento, Lisa (scusa se lo leggo solo ora). Questo post sul maschilismo è uno dei più letti e commentati del blog; forse dovrei riesumare l’argomento e stimolare una discussione articolata. Vedo che molti hanno voglia di parlarne.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: