Cerro Torre.

Annunci

12 Responses to Cerro Torre.

  1. donatellarighi ha detto:

    Scosceso, inaccessibile e affascinante quanto basta per diventare metafora. Di parecchie situazioni.

  2. sandrozagatti ha detto:

    Non ci crederai, ma mi aspettavo proprio un tuo commento. Bello vero? Mi è venuto alla mente leggendo della “riabilitazione” di Walter Bonatti per l’ascesa del K2 del 1954. A distanza di 54 anni (adesso che Desio è morto e sepolto), finalmente è stata fatta giustizia di quella torbida vicenda. A Bonatti resta la consolazione che il torto la lui subito lo spinse ad imprese alpinistiche impensabili.

    E da lì mi è venuta alla mente la ancora oscura vicenda della conquista del Cerro Torre del 1959 da parte di Cesare Maestri. Chissà quando sapremo la verità..

    Volevo scrivere un post su queste vicende, ma sarebbe stato lungo e noioso, e allora ho optato per la semplice immagine del Cerro. Tremila metri nel Cile meridionale, al confine con l’Argentina, uno sperone di granito di oltre ottocento metri sferzato da venti gelidi con la vetta coperta da una calotta ghiacciata perenne.

    Il sogno e l’incubo degli alpinisti. Però bellissimo vero?

  3. donatellarighi ha detto:

    Sono del tutto prevedibile, vero?

    Bellissimo, sì, ma ancor più dell’immagine e dei suoi rimandi, è stata la sua presentazione muta ad attrarmi. Nell’assenza di parole ci può stare ogni cosa.

    Non credo comunque che il post che avevi in mente sarebbe stato noioso.

  4. sandrozagatti ha detto:

    No, prevedibile affatto. Ma siccome hai animo poetico immaginavo che saresti stata colpita dal fascino muto del Cerro Torre. Una montagna paradigma che, se non esistesse, tutti immaginerebbero. Fatta solo di roccia, ghiaccio e vento.

    Se avrò tempo racconterò la storia delle ascese (presunte) di Cesare Maestri, delle accuse di aver abbandonato alla morte il suo compagno di cordata e delle critiche di chi sul Cerro è arrivato senza trovare alcuna traccia del suo passaggio, sebbene egli dica di averlo scalato due volte.

    Esempi di quell’alpinismo storico ed eroico che non esiste più.

  5. Grazia ha detto:

    chi di metafora colpisce, di metafora rischia di perire… guarda cosa combinano gli aziendalisti alle tue vette-paradigma, fatte “solo di roccia, ghiaccio e vento”:
    http://www.managerzen.it/manager_ludens/manager_ludens/metafore_arrampicatorie.html

    “I seminari considerano il fit climbing come utile metafora per comportamenti e capacità manageriali che vanno dal problem solving alla leadership, dal team building al project management.”

  6. sandrozagatti ha detto:

    Caspita che letture che frequenti! “base teorica dei seminari esperienziali” Minchia!

    E poi siamo su piani diversi. Una cosa è l’arrampicata sportiva, il free climbing, quella post anni ottanta nata in California. Il Cerro Torre è roba da alpinisti duri e purissimi (altissimi e levissimi).

  7. sandrozagatti ha detto:

    Ecco infatti un limpido esempio di problem solving:

    I seminari considerano il fit climbing come utile metafora per comportamenti e capacità manageriali che vanno dal problem solving alla leadership, dal team building al project management.

    Ve mo là che fenomeni!

  8. bruno zvech ha detto:

    sarebbe come dire ” un grido di pietra “..?

  9. sandrozagatti ha detto:

    Il film “Grido di pietra” si ispira esattamente alle vicende del Cerro. Confesso di non averlo voluto vedere, e chi al contrario lo ha visto non me ne ha parlato bene. Se qualcuno lo conosce e vuole parlarcene..

  10. bruno zvech ha detto:

    ah, gli intellettuali…fosse anche solo per il titolo è un gran film, poteva essere ancora più bello se non ci fossero stati sceneggiatura e attori, ma solo il Cerro.

  11. giancarlo ha detto:

    Cerro Torre..fantastica cima patagonica che sembra come copiata da un cartoons disneyano…o da un grattacielo del Batman di Gotham City… e poi i suoi misteri… ingigantiti a dismisura dopo 50 anni….e su tutto incombe ancora la presenza del grandissimo Cesare Maestri.. e la meschinita’ assoluta dei suoi moderni ed invidiosi denigratori !

  12. MoMo ha detto:

    Ho appena finito di leggere “grido di pietra” di Messhner, libro sulla vicenda della presunta scalata al Torre di Maestri……… mah, non so quanto l’astio personale tra i due abbia inciso sul libro, certo è che è una vicenda oscura.

    Detto questo sono stato in Patagonia a el-chalten , paese Argentino ai piedi del cerro Torre e del Fitz Roy dove ho potuto ammirare dal vivo la bellezza di queste montagne……………

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: