Dolo eventuale per il rogo della Thyssen-Krupp.

La stampa odierna riferisce che, in riferimento alla morte di sette operai nel rogo del 6 dicembre 2007, i responsabili della Thyssen Krupp sono indagati non per omicidio colposo, come avviene solitamente per gli infortuni sul lavoro, ma per omicidio volontario, o, per meglio dire, doloso.

Si tratta di una ipotesi severa ed ardita, cui probabilmente gli inquirenti si sono spinti nella consapevolezza che contestando l’omicidio colposo i rei avrebbero subito una pena mite, inadeguata alla tragedia della linea cinque. Ho già scritto nel blog che le pene per omicidio colposo previste nel nostro codice sono troppo basse e la loro efficacia deterrente è ridotta. Forse anche i pubblici ministeri di Torino condividono tale opinione.

Personalmente dubito che tale imputazione possa reggere in giudizio, ma è interessante vedere come si svilupperà il procedimento. Scendendo nel dettaglio tecnico emerge che agli indagati è contestato l’omicidio con dolo eventuale; cosa significa? Riporto, a titolo esplicativo, un brano di pronunzia della Corte di Cassazione (Cass. Pen. sent. n. 3571, 1996).

Sussiste il dolo eventuale quando l’agente, ponendo in essere una condotta diretta ad altri scopi, si rappresenta la concreta possibilità del verificarsi di ulteriori conseguenze della propria azione e, nonostante ciò, agisce accettando il rischio di cagionarle.

Tale massima si riferisce a tutti i reati; nel caso specifico dell’omicidio è interessante la seguente (Cass. Pen. sent. n. 10994, 1981).

[Sussiste dolo eventuale indiretto quando] l’agente si sia rappresentato come probabile e possibile anche l’evento morte e, ciononostante, abbia agito, così accettando di esso preventivamente il rischio e mostrando in definitiva di volerlo cagionare.

Sono queste ultime due parole – “volerlo cagionare” – che fanno dubitare della sostenibilità dell’accusa, ma aspettiamo gli sviluppi dell’inchiesta ed il processo. Ad ogni modo ritengo che, invece di forzare la giurisprudenza in modo da configurare faticosamente il dolo laddove è invece evidente la colpa grave, sarebbe più logico e razionale innalzare le pene per omicidio colposo, perlomeno nei casi di inosservanza di norme di sicurezza sul lavoro.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: