Il generale e il T.A.R.

dicembre 16, 2007

astratto-olio-su-tavola-60-x-70

Il generale Roberto Speciale è un militare, ma il Tribunale Amministrativo Regionale ha stabilito che il Governo non poteva rimuoverlo, ed egli afferma di aver diritto ad essere reintegrato nel suo comando. A prescindere dalle ragioni delle parti, mi domando che paese è mai quello nel quale un governo non sa o non può sostituire un soldato.

Andiamo con la memoria all’ottobre-novembre del 1917 quando, per le gravi responsabilità dello Stato Maggiore ed in particolare del generale Luigi Cadorna, le divisioni austro-ungariche e tedesche sfondarono il fronte italiano sull’Isonzo, fra Tolmino e Caporetto. Di fronte alla rotta delle 41 divisioni italiane, l’otto novembre il re Vittorio Emanuele III sostituì Cadorna con il generale Armando Diaz, che organizzò la linea difensiva di contenimento sul Grappa e sul Piave, arrestando l’avanzata nemica che, altrimenti, avrebbe potuto dilagare in tutta la penisola.

Fortunatamente non esisteva ancora il TAR, perché altrimenti Cadorna avrebbe potuto ricorrere avverso la sua sostituzione e rientrare al comando. Forse adesso parleremmo tedesco.